22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Lavoro

Non solo Bufala Dop per decennale 'Le Strade della Mozzarella'.

AdnKronos | commenti |

Salerno, 20 apr. (Labitalia) - Si è chiusa la decima edizione de 'Le Strade della Mozzarella', il congresso internazionale di cucina d’autore andato in scena, ieri e oggi, presso gli spazi del Savoy Beach Hotel di Paestum. Per la seconda e ultima giornata di lavori, ancora un programma denso di incontri. Diverse le star della cucina internazionale impegnate a dare una propria interpretazione della Mozzarella di Bufala Campana Dop e delle altre eccellenze italiane.

Sul palco si sono succeduti, moderati da alcune delle più prestigiose firme del giornalismo enogastronomico, Javier Olleros, del Culler de Pau, di Pontevedra, in Spagna, Ed Schoenfeld, del Red Farm di New York, Philippe Léveillé, del ristorante italiano Miramonti l’Altro di Concesio, e il belga Kobe Desramaults. Non hanno deluso le aspettative gli interventi di Vladimir Mukhin, del White Rabbit di Mosca, e di Gaggan Anand, del Gaggan di Bangkok, rispettivamente valutati come miglior chef di Russia e dell’intera Asia dalla The Word’s 50 Best Restaurants.

Non sono stati da meno i contributi dei grandi protagonisti della cucina italiana, da Chicco Cerea e Riccardo Camanini, passando per Antonia Klugmann, Gianluca Fusto, Giancarlo Morelli e Luciano Monosilio. Apprezzate allo stesso modo sono state le performance degli chef 'emigrati' Paolo Casagrande, ai fornelli del Lasarte di Barcellona, e Giuseppe Oliva, del ristorante Baest di Copenaghen. Mentre i maestri gelatieri Alberto Citterio e Simone De Feo hanno divertito e ingolosito i presenti con le proprie originali creazioni salate.

Proprio il gelato della Compagnia Gelatieri è stato uno degli argomenti che ha arricchito di contenuti la manifestazione, insieme ai focus affrontati negli Atelier - Pasta e pomodoro, Il fritto, Pomodoro e Mozzarella di Bufala Campana Dop, Il Panino d’autore, La Pasta fresca - nelle masterclass, con il workshop su fermentazione e germinazione, negli spazi dedicati alla pizza e al mondo del bere miscelato. Prezioso, infine, il lavoro del concorso Speciale Emergente Sala 2017, capace di approfondire un tema, quello del servizio, fondamentale per ogni luogo della ristorazione di successo.

Da tutti i presenti sono arrivati contributi capaci di dare, nel loro insieme, una risposta al tema della decima edizione di Lsdm, ovvero il rapporto, spesso complicato, tra 'quantità e qualità'. “Ancora una volta - dichiara Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop - possiamo dirci felici del successo riscosso dal nostro prodotto in una manifestazione come Lsdm, ormai di importanza planetaria. Vedere i migliori chef, italiani e internazionali, adorare la Mozzarella di Bufala Campana Dop e interpretarla in modo sempre originale e rispettoso è un qualcosa che ci inorgoglisce sempre enormemente”.

A sottolineare la propria soddisfazione anche Giuseppe Melara, direttore di Formamentis, società leader nella realizzazione di percorsi formativi nel mondo agroalimentare e per la prima volta curatrice, insieme agli ideatori della manifestazione Barbara Guerra e Albert Sapere, dell’organizzazione di Lsdm. “Senza ombra di dubbio un grande successo - afferma Melara - per un format ormai collaudato e vincente, come dimostrato dalle migliaia di presenze registrate in questi giorni qui a Paestum e dalla passione trasmessa da tutti i partecipanti. L’appuntamento è ora a New York, il 28 e 29 giugno, per dare ancora una volta il giusto risalto alle tante eccellenze del made in Italy” .

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×