18/04/2014parz nuvoloso

19/04/2014piovaschi e schiarite

20/04/2014temporale e schiarite

18 aprile 2014

L’UFO DEL GRAPPA UNO DEI CASI PIÙ INTESSANTI D’ITALIA

A dirlo il programma di Rete 4 “Top Secret”. L’avvistamento risale a dieci anni fa

|

Paderno del Grappa – Protagonista nel programma di Rete 4 “Top Secret” l’ufo fotografato sul Grappa il 7 giugno del 1998. Nel programma di Mediaset, in onda mercoledì sera, il fenomeno immortalato dalla macchina fotografica di tale Edy Guadagnini è stato classificato come uno dei casi più interessanti mai registrati in Italia.

All’epoca l’uomo era sul terrazzo di casa, a Paderno del Grappa, insieme alla figlia. Col binocolo stava osservando il versante sul del Monte Grappa. All’orizzonte quello che pareva essere un vero e proprio disco volante. Prese quindi la macchina fotografica e l’immortalò.

Lo scatto divenne un caso e fece il giro del mondo. All’inizio del ’99, dopo il tam tam mediatico, e dopo gli appostamenti della gente in cerca di altri ufo, un’altra segnalazione. Mercoledì, Claudio Brachino con il suo programma ha riportato in auge il mistero.

 

Per saperne di più

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Commenta questo articolo

Dello stesso argomento

immagine della news

24/06/2010

UFO SULLA PEDEMONTANA?

Un lettore segnala l’avvistamento di oggetti di luce arancione. Una lettrice invia foto di avvistamento a Castelfranco

immagine della news

16/09/2008

UFOLOGO E...PIATTI VOLANTI

L'ufologo Antonio Chiumento in un agriturismo di Tarzo, per parlare degli ultimi avvistamenti

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Tutti hanno detto la loro. Ma chi sono secondo te i secessionisti veneti?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.845

Anno XXXIII n° 8 / 24 aprile 2014

Vuoi vedere che torna il Giro?

Vittorio Veneto ha un record legato al Giro d’Italia. E tanti aneddoti connessi alle due ruote. E tanti campioni da affiancare al campionissimo (e nostranissimo) Bottecchia o a quel Coppi che stava per schiantarsi ai Gai. A raccontarci il Giro (più curioso) d’Italia e di Vittorio Veneto è il pedale (scusate: la penna) di Ido Da Ros

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×