16/10/2018nuvoloso

17/10/2018pioviggine

18/10/2018quasi sereno

16 ottobre 2018

Montebelluna

EX CAMPIONESSA DI CICLISMO SI GETTA SOTTO IL TRENO

Zita Urboinate, 34 anni, di origine lituana, probabilmente soffriva di depressione post partum

| commenti |

| commenti |

Montebelluna – Ha camminato lungo i binari aspettando che il treno la travolgesse. Così ha trovato la morte Zita Urbonaite, 34 anni, ex campionessa di ciclismo. L’impatto è avvenuto ieri mattina, verso le 10,30, lungo la linea Padova-Calalzo.

Il treno era appena partito dalla stazione di Montebelluna. L’impatto è avvenuto all’altezza di Villa Guillon Mangilli. Domenica si era già allontanata di casa una prima volta, tant’è che il marito, Luca Valbusa, aveva anche avvertito i carabinieri del suo allontanamento, ma a sera tardi era tornata da sola.

Pare che alla base del suicidio ci sia una depressione post-partum. La donna, infatti, è mamma da circa due mesi di una bambina. Ieri mattina la coppia si era recata dal medico, proprio a causa della precarietà psicofisica della donna.

Dopo averla accompagnata dal dottore, il marito si è allontanato per portare la piccola dai nonni. Al suo ritorno in ambulatorio, però, Zita non c’era più. Al cellulare non rispondeva. Lei era già vicino alla ferrovia. Si è incamminata lungo i binari.

Un uomo, vedendola, ha anche cercato di chiamarla, ma lei ha proseguito. Sono bastate poche decine di metri perché arrivasse il convoglio e la investisse. L’ha atteso coprendosi il volto con le mani. È morta sul colpo. Il marito, già particolarmente preoccupato per l’assenza della moglie, è arrivato verso mezzogiorno.

Aveva sentito qualcuno parlare di un incidente, quando è arrivato sul posto ed ha visto l’auto ha capito che si trattava proprio di Zita. Zita Urbonaite, di origine lituana, non correva da due anni. Era arrivata in Italia nel 1996. Faceva parte della Accadueo, poi Safi e attualmente Pasta Zara-Manhattan.

Aveva indossato la maglia rosa del Giro d’Italia ed era stata anche campionessa della Lituania nella cronometro. Viveva col marito e la figlioletta in via Pontin, a Montebelluna.

MAt.C.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×