09 dicembre 2019

Nord-Est

Crolla roccia Sorapis a Cortina

Geologi: "Fenomeni comuni in autunno"

commenti |

commenti |

Crolla roccia Sorapis a Cortina

CORTINA D'AMPEZZO - Una enorme parete rocciosa larga circa 300 metri per un'altezza di 400 metri si è staccata all'alba di oggi da croda Marcora nel gruppo del Sorapis in Comune di Cortina d'Ampezzo. Sul posto stanno effettuando i primi rilievi su un elicottero gli uomini del soccorso alpino della Forestale di Auronzo di Cadore.

 

Il distacco è avvenuto ad un'altezza di 3.150 metri. Non si conoscono ancora le cause del movimento franoso né se abbia interessato persone o cose.Il Sorapis é uno dei principali gruppi delle Dolomiti ampezzane e si trova tra Cortina d'Ampezzo e San Vito di Cadore. La ricognizione degli uomini del Soccorso Alpino é appena cominciata.

 

Il crollo è stato causato dalle oscillazioni della temperatura tipiche dell'autunno. ''Crolli di questo tipo sono abbastanza normali sulle Dolomiti'', ha detto il geologo Ganriele Scarascia Mugnozza, dell'università Sapienza di Roma. I cambiamenti di temperatura che avvengono dal giorno alla notte fanno continuamente espandere e contrarre la roccia, fino a provocarne la rottura.

 

Anche per il geologo Antonio Brambati, dell'università di Trieste, ''crolli di questo tipo non sono nuovi sulle Dolomiti, come testimoniano detriti di falda ai piedi delle pareti rocciose''. Tra le possibili cause potrebbero esserci micro-terremoti, ma alla sala sismica dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) non risultano eventi sismici nella zona avvenuti nelle ultime ore. L'ipotesi più probabile resta quindi quella delle sollecitazioni esercitate sulla roccia dal continuo dilatarsi e restringersi causato dalle variazioni di temperatura. Il fenomeno si chiama ''termoclastismo'', ha spiegato Scarascia Mugnozza. ''E' una dinamica normale in contesti montuosi con pareti ripide'', ha osservato. ''Siamo a fine estate e fenomeni di espansioni e contrazione della roccia sono comuni, considerando che in questo periodo dell'anno la temperatura di abbassa nella notte avvicinandosi allo zero, mentre si alza durante il giorno a causa dell'insolazione''.

 

Dello stesso argomento

immagine della news

13/10/2018

Muore cadendo nel dirupo

La vittima è Ivo Vincenzi, originario di Asolo. La tragedia durante una passeggiata nel Bolognese

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×