15 dicembre 2019

La torta alla cioccocacca (e altre porcherie)

Categoria: Notizie e politica - Tags: Grillo, Berlusconi, Ikea, Star

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti | (3)

Cose che succedono, direte.

Cose che possono capitare ovunque. In ogni parte del globo.

Dalla Cina all'Italia, dalla Danimarca alla Francia è possibile mangiare torte al cioccolato con "eccessive" tracce fecali. E' possibile mangiare una polpetta di manzo al cavallo o trovare maiale là dove il maiale non dovrebbe esserci. La contaminazione dei cibi che il mercato globale propina proprio a tutti è la prova: che le frontiere non esistono.

Più.

Una bella notizia, se non fosse per un piccolo dettaglio: anche le frontiere (e i limiti) del buongusto (e del gusto buono) sono state abbattute. Anzi: leggermente smerdate.

Comunque, più che la torta al cioccolato e mandorle e colibatteri che Ikea ha ritirato in 23 paesi compreso il nostro (ma solo per prudenza), a me ha colpito il fatto che anche la Star, nei suoi padanissimi stabilimenti ha toppato, infilando nel ragù di carne di manzo della carne equina, che non si sa dove provenga. I vertici dell'azienda hanno spiegato che la carne usata per i sughi era arrivata congelata in Padania dalla Romania attraverso un importatore francese.

Pensate che giro della merla hanno fatto quei bocconcini che troviamo dentro la coloratissima lattina dei sughi e dei ragù prima di finire sugli spaghetti che diamo a nostro figlio. Probabilmente i bocconcini per Fido hanno viaggiato meno. I prodotti industriali di supermarca (le merci ritirate sono Nestlè, Kraft...), quelli veicolati da messaggi promozionali e testimonial dal giro d'affari miliardario, quelli di cui ti sembra di poterti fidare a occhi chiusi perché vengono presentati in modo così carino, quelli - anzi: anche quelli - sono pericolosi per la salute.

Come le creme solari Shiseido, che io e mia figlia usiamo appena il raggio di sole si fa più dorato: in Cina hanno ritirato proprio quelle creme perché contenevano Cadmio. Che non è proprio un cosmetico.

Che palle!

Per fortuna, accanto alle notizie inquietanti ci sono quelle di costume: Berlusconi condannato a un anno di reclusione (dite che se lo farà?) e Grillo che urla che i giornalisti sono pagati per sputtanarlo. Notizie-primula, a chilometri quasi zero. Notizie, che per fortuna non si mangiano, se no sai che effetti collaterali.

 



Commenta questo articolo


Il mondo intero è basato sul commerciale e sulla pubblicità... quindi l'unica cosa da fare è allevarsi la vacca per il latte, qualche coniglio, un paio di galline e "pituset", un bel orticello... ecc...

Ma chi può farlo? io che vivo in appartamento e non ci sta neppure un cagnolino?

Beati coloro che hanno una fattoria... per tutti gli altri, me compreso... bhe... tra i vari mali scegliete il minore...

Ps. non so dove scriverlo, ma lo scriverò qui anche se OT.
Leggo oggi treviso da molto tempo, e sono abbonato al quindicinnale che leggo molto volentieri... tranne l'ultimo numero...
L'intervista con i giovani pare che dicesse "Ragazzi è giusto che fumate e che bevete". cioè... E' scritta (involontariamente spero) come se fosse una cosa giusta e normale, il che penso sia esattamente il contrario. Poi ho letto il riquadro dello psicologo, il quale non dice niente contro questo "dramma", ma si limita a girare attorno al discorso.
Ad ogni modo questo è solo il mio modesto pensiero.
Cmq ho apprezzato molto l'inserto sugli sposi. Dopo tutte le vicende italiane per mezzora mi è tornato il sorriso leggendo l'articolo. grazie.

segnala commento inopportuno

caro lettore,
grazie per il commento.
Ovviamente il pezzo dìapertura (Sballa con me) voleva scuotere...negativamente. Voleva allarmare. Non certo giustificare. L'intervista, così semplice e terra-terra, ha riportato le parole di alcuni ragazzi. Che trovo inquietanti proprio per la leggerezza con cui mi sono arrivate.
Non posso risolvero il problema. Solo presentarlo. Perché ci si rifletta su.
Il sorriso lo meritano le coppie che si amano da mezzo secolo: bellissime davvero.
Un caro saluto

segnala commento inopportuno

Oltre alla torta di cioccocacca anche altre cose che si trovano dentro l'ikea sono abbastanza di cacca. Vedi alcuni mobili e sedie che ti devi costruire e che poi si disfano sotto i tuoi occhi!

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×