13 dicembre 2019

Esteri

All'asta il cilindro di Hitler, proteste da parte della comunità ebraica

commenti |

commenti |

All'asta il cilindro di Hitler, proteste da parte della comunità ebraica

Oggetti personali appartenuti ad alti gerarchi del regime nazista, e allo stesso Adolf Hitler, saranno battuti all'asta a Grasbrunn, vicino Monaco, un'iniziativa accompagnata dalle dure proteste dell'Associazione ebraica europea. Tra gli oggetti messi in vendita dalla Hermann Historica figurano servizi di posate, gioielli, lettere firmate e fotografie oltre ad un cappello a cilindro appartenuto al dittatore nazista, una scatola di sigari del Maresciallo del Reich Hermann Goering ed un abito da coktail di Eva Braun.

 

Per il rabbino Menachem, presidente dell'Associazione ebraica europea i grandi partiti tedeschi dovrebbero fare approvare leggi che mettano al bando questo tipo di vendite ed i venditori dovrebbero comunicare i nomi degli acquirenti per permettere alle autorità di inserirli sulle watch list del governo nell'interesse della sicurezza pubblica.

 

"Quasi ogni settimana, noi qui dobbiamo rispondere agli attacchi contro gli edifici e, ancora più preoccupante, attacchi fisici o verbali contro gli ebrei stessi. Cosa allarmante, la Germania guida l'Europa quanto a volume di incidenti antisemiti", ha scritto nel suo appello. "Vendere quegli oggetti non dovrebbe essere diverso dal vendere gli oggetti personali appartenuti a Osama Bin Laden o Anders Breivik. L'argomento dell'interesse storico è semantica pura". Il dirigente di Hermann Historica Bernhard Pacher ha replicato osservando che la maggior parte degli interessati sono musei, collezioni nazionali e privati con interesse accademico alla storia dell'epoca.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×