19 novembre 2019

Conegliano

Le foto hot di Denise hanno fatto il giro del web e di Whatsapp: "Lascio il lavoro, voglio vivere dei miei scatti"

La 24enne di Santa Lucia di Piave racconta la sua storia

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

SANTA LUCIA DI PIAVE - Le foto che la ritraggono completamente senza veli hanno fatto il giro del web, anche se questa volta non è un modo di dire. L’hanno contattata e le hanno scritto da città italiane, ma anche dalla Francia e persino dall’Australia.

 

La vita di Denise Dal Bo, 24enne di Santa Lucia di Piave, è cambiata radicalmente in poche settimane: una vera e propria rivoluzione, partita dalla diffusione - in migliaia di chat Whatsapp - delle foto che lei stessa aveva pubblicato su un sito a pagamento, SuicideGirls. Ha deciso di lasciare un posto a tempo indeterminato, ed è intenzionata a vivere delle sue foto e del suo “stile di vita”, dopo il clamore suscitato da quegli scatti.

 

Qualche tempo fa si è iscritta al sito, dove è possibile postare le proprie foto: per arrivare ad essere una vera e propria “suicide girl”, però, bisogna che il portale acquisti il tuo book fotografico. Denise si è fatta immortalare da un fotografo professionista, ma quelle foto – in realtà – sul sito non sono mai state pubblicate. Lei – che è ancora una “aspirante suicide girl”, in arte “Nesty” - ha invece condiviso degli scatti amatoriali, completamente senza abiti.

 

 

“Alcune le ho fatte io – spiega Denise -, alcune me le ha fatte il mio ragazzo”. Ma quelle foto sono state scaricate e fatte girare via Whatsapp, diventando virali. “Francamente sono rimasta un po' sorpresa dal clamore che hanno suscitato – racconta la giovane –, e anche dalla “distanza” che hanno percorso”.

 

Ha capito che qualcosa non andava quando il suo profilo Facebook, poi rimosso, è stato subissato di richieste di amicizia. Fortunatamente – si tratta di un caso raro di questi tempi – non le sono arrivati molti commenti o messaggi offensivi. Era inevitabile, però, che questo avesse delle ricadute sulla sua vita. In primis sul lavoro: Denise ha preso la decisione di licenziarsi e di lasciare un posto di lavoro sicuro.

 

E ora vorrebbe vivere con le sue foto: “Non mi sento di tornare a fare un lavoro normale. Ad ogni modo mi sento meglio adesso, anche senza un lavoro e senza l’appoggio della mia famiglia”.

 

 

Ma non chiamatela pornografia: una strada che Denise non vuole percorrere. “Ho un ragazzo – spiega -, ci siamo detti quali sono i nostri limiti”. In quello che fa, secondo lei, non c’è comunque “niente di scandaloso. Sono altre le persone che devono vergognarsi, non io. Il corpo è mio, e voglio vivere la mia libertà e la mia identità senza fermarmi agli schemi imposti dalla società”.

 

Le “suicide girls” sono ragazze che si rifanno ad uno stile che è un mix di punk, indie, dark, alternative. Si accompagna a precisi generi musicali, ed è in tutto e per tutto uno stile di vita.

 

Denise, cosa pensa il tuo fidanzato?

Stiamo insieme da 5 anni, abbiamo iniziato insieme questo percorso. Lui è dalla mia parte.

 

Questa cosa ha rafforzato il vostro rapporto?

Decisamente.

 

Ma chi ha diffuso quelle foto?

So chi potrebbe averlo fatto, dicendo anche dove era possibile trovarmi in giro. Qualcuno che comunque deve avere cercato approfonditamente nel sito per averle.

 

Cosa pensi di fare in questo senso?

Sto pensando a come muovermi.

 

Come ti senti a fare questo tipo di scatti?

Sento un senso di libertà e benessere.

 

Vorresti continuare a fare questo?

Sì, ma non solo nudo.

 

Praticamente la fotomodella, giusto?

Sì.

 

Che progetti avete?

Andare via da qui, magari in una città più “aperta”.

 

Cosa vuoi dire dopo il clamore suscitato da queste foto?

Per me è stata un’opportunità.

 

C’è molto altro però, dietro a quegli scatti...

Sì, vorrei che la gente approfondisse. Le foto sono legate anche alla musica ecc...La mia è una forma d’arte. La speranza è che qualche altra ragazza senta questa libertà senza paura di critiche.

 

Ti sei liberata di una vita che ti stava stretta?

Prima era come essere Batman e Bruce Wayne. Soltanto che io ora ho eliminato la mia vita reale e mi sono buttata nella vita che voglio.

 

Foto dal profilo Instagram di Denise

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×