16 dicembre 2019

Conegliano

"Salvini doveva andare a processo"

Il capogruppo 5 Stelle di Conegliano Ferraresi: "Certi valori rimangono sacri”

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

CONEGLIANO - “Salvini doveva andare a processo”: è la linea del capogruppo del Movimento 5 Stelle di Conegliano, Alberto Ferraresi, dopo il voto sulla piattaforma Rousseau indetto dai grillini per il caso “Diciotti”. “Ho votato perché Salvini andasse a difendersi in aula”, continua Ferraresi, che è un esponente della “base” del Movimento, più vicina ai valori con cui 5 Stelle erano nati.

 

“Quando sono stato eletto – dichiara Ferraresi -, Il Movimento non avrebbe avuto dubbi su cosa fare. Il Movimento è nato così. Mi sono fatto eleggere all’interno dei 5 Stelle, e certi valori rimangono sacri”. Per quanto riguarda il merito del caso “Diciotti”, Ferraresi sostiene che “Salvini è innocente, ma sarebbe dovuto andare a processo come tutti”.

 

La richiesta di autorizzazione a procedere per Salvini era stata fatta dalla procura di Catania, con l'accusa per il ministro dell'interno di 'sequestro di persona aggravato' a seguito dell'impedimento dello sbarco dei 177 migranti a bordo della nave della Guardia Costiera italiana, ferma per cinque giorni di fronte al porto di Catania.

 

Il capogruppo coneglianese si è dichiarato invece in linea con il comportamento tenuto dai sindaci del Movimento che sono stati indagati o imputati nel corso del proprio mandato: il riferimento è ovviamente a Virginia Raggi, Chiara Appendino e Filippo Nogarin.

 

Il voto online dei 5 Stelle ha dato il suo responso già nella serata di ieri: la maggioranza degli iscritti a Rousseau ha deciso che deve essere negata l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini, con il 59,05% delle preferenze.

 

E oggi la Giunta delle elezioni e delle immunità del Senato ha votato a favore della relazione del presidente e relatore Maurizio Gasparri, dicendo “no” al processo per Salvini, con 16 voti contro e 6 a favore. E i componenti 5 stelle della giunta hanno espresso il loro voto compatti.

 

Per il “sì” al processo invece gli esponenti Pd, Leu e Gruppo Misto. Ora il dossier verrà esaminato dal Senato, con la ratifica o la bocciatura che dovranno essere espresse entro il 24 marzo.

 

Ma che succederà a Conegliano? “Accetto i risultati – commenta Ferraresi -. Non penso assolutamente alle dimissioni”.

 

“Personalmente ritengo che non ci fosse niente su cui votare – ha dichiarato l’altro consigliere comunale 5 Stelle di Conegliano, Massimo Bellotto -. Nel momento in cui ci sono queste situazioni si lascia procedere la magistratura. Non voglio però in questa fase dare un giudizio su quanto accaduto per la vicenda Diciotti”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×