21 novembre 2019

Treviso

Nudi, abbracciati, di diverse etnie: ecco la nuova campagna di Benetton firmata Oliviero Toscani

“Nudi Come”, la campagna pubblicitaria United Colors of Benetton che riflette tutti i valori fondanti dell'azienda

commenti |

commenti |

Nudi, abbracciati, di diverse etnie: ecco la nuova campagna di Benetton firmata Oliviero Toscani

TREVISO - Nudi, abbracciati e multietnici. “Nudi come” è la nuova campagna pubblicitaria di Benetton per la prossima stagione, firmata da Oliviero Toscani.

“Nudi come San Francesco, che si spogliò degli abiti e delle ricchezze del demonio, e nudi come tutte le creature del suo Cantico delle Creature: “Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra” e per queste nuove creature della Città Futura che neppure Giotto seppe pre-vedere e disegnare. Non più creature di città dolenti di macchine e di cemento, di acciaio e di polvere, qui ci sono nove pezzi, unici e tuttavia uguali, di un’umanità che presto inchioderà il vecchio mondo al suo odore scorante di materia in decomposizione e di roba smessa”. Spiega così l’azienda di Ponzano la nuova campagna per l’autunno-inverno 2018 che riassume i valori del marchio: “la diversità, l'uguaglianza e un'idea del futuro che è più urgente che mai”.

“Grazie a loro - prosegue la nota dell’azienda - i colori torneranno innocenti: non ci sarà più la strega nera che offre la mela avvelenata rossa alla fanciulla bianca-neve. Non più la guerra delle razze ma il miracolo etnico con la ricchezza delle sue reminiscenze pacificate”. “È la foto delle Metamorfosi che sono tipiche delle civiltà imperiali, della Roma degli Augusti come dell'America dei Presidenti, della Globalità dove ogni cosa passa in un'altra, si tramuta nel suo contrario. Davvero in quest’immagine c’è Michael Jackson che sbiancava il nero e c’è l'evoluzione dei Lumumba, dei Senghor e dei Frantz Fanon che annerivano il bianco, ma anche dei Lenin e dei Lin Piao, c’è la rivoluzione che diventa con-fusione perché toglie l'identità certa all'Oriente e all'Occidente e li con-fonde, c’è il pavone dello Zoroastrismo che assimila la Croce di Roma, il Ramadan che diventa banchetto pasquale, il latte di cammella che si tramuta in succo di vite, il burqa trasparente sul corpo di Venere, e c’è Fatima, figlia di Maometto, che prende le fattezze di Maria, madre di Cristo".

"Contro le guerre civili, contro le mafie e le violenze urbane dell’identità, contro i feroci conflitti etnici, contro le guerre di faglia e di religione, contro il terrorismo e contro tutti i razzismi risorgenti c’è la gioiosa con-fusione come valore, il Cantico delle Creature che avvicina al Cielo e sottomette il mondo”.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×