20 ottobre 2019

Italia

Sabato Salvini negava una possibile alleanza con Forza Italia. Oggi ci ripensa

commenti |

commenti |

Sabato  Matteo Salvini bocciava qualsiasi tipo di alleanza con Forza Italia ed Ncd. Oggi, lunedì, il leader della lega è possibilista. Cosa è successo domenia? Una cena ad Arcore.

Silvio Berlusconi e Matteo Salvini si sono incontrati ieri sera e la decisione è stata: "Alleanza a 360 gradi". Lo ha detto il presidente dei deputati Fi Renato Brunetta al Tg3, annunciando che "visto che è saltato tutto, visto che è saltato il patto costituzionale, Forza Italia farà il suo mestiere di opposizione. E denuncerà la deriva autoritaria, denuncerà che questa riforma è inaccettabile”. “Però adesso ricominciamo, come diceva il grande Troisi, da tre: ricominciamo con l’alleanza con la Lega, ricominciamo nella ricostruzione del centrodestra, ricominciamo con l’opposizione", ha aggiunto il capogruppo azzurro a Montecitorio.

Da Milano però frena Matteo Salvini: "Ci è stato detto che Forza Italia ha deciso di stare all'opposizione, la qual cosa ci riempie di gioia", dice il leader leghista, raccontando in conferenza stampa nella sede della Lega Nord in via Bellerio, a Milano, l'esito dell'incontro di ieri sera ad Arcore con Berlusconi. "Questo -dice Salvini- non sta a significare accordi duraturi e perenni a livello nazionale o locale da domani mattina". Salvini spiega che "da qui a parlare di accordi a 360 gradi ce ne passa". Ieri, spiega il segretario, "ci interessava sapere" di più sulla posizione del partito di Berlusconi. Ora, comunque, Salvini spera che "la ritrovata opposizione di Forza Italia duri più di una settimana". In ogni caso, ha aggiunto, "abbiamo ricominciato a parlare".

Plaude alla virata di Forza Italia Raffaele Fitto. Che spiega come "per mesi, nonostante l'allarme e il dissenso motivato di tanti di noi, si è raccontato ai quattro venti che quelle di Renzi erano le nostre riforme. Alla Camera, nelle scorse settimane, avendo tanti nostri deputati presentato emendamenti per abolire davvero il Senato, il resto del gruppo di Forza Italia ha incredibilmente votato contro insieme al Pd, contribuendo alla bocciatura".

"Ancora più surreale -prosegue Fitto- è stata la vicenda dei nostri emendamenti sul presidenzialismo: il resto di Forza Italia prima ha sostenuto i nostri emendamenti, ma poi, dopo la bocciatura, ha comunque votato a favore dell'articolo senza presidenzialismo, come prova finale di zelo verso Renzi. Risultato: su due questioni decisive, essendo stati bocciati i relativi emendamenti, sarà pressoché impossibile riaprire la discussione".

Critiche dai Cinquestelle alla alleanza tra azzurri e leghisti: "Sembra che la Lega voglia di nuovo allearsi con Berlusconi. Che dire? È la solita Lega di sempre. Si vende per un pugno di poltrone in più!", scrive in un tweet il deputato M5S Danilo Toninelli.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×