13 dicembre 2019

Vittorio Veneto

"No a un vigneto vicino all'asilo di San Giacomo": i genitori raccolgono 1400 firme

Hanno incontrato anche il sindaco Roberto Tonon, ora vogliono un incontro con Zaia

commenti |

commenti |

Foto di repertorio

 

E’ giunta alla soglia delle 1400 firme la petizione promossa dai genitori della Scuola dell’Infanzia di San Giacomo contro l’arrivo di un possibile nuovo vigneto nel terreno adiacente all’asilo frequentato di propri figli.

 

“E’ per noi una soddisfazione sapere che tanta gente è dalla nostra parte – commentano i genitori – e siamo contenti che anche diversi produttori di vini della zona abbiano voluto mettere la propria firma, perché, come noi, non condividono che un vigneto possa essere piantato accanto ad una scuola”.

 

Negli ultimi giorni i genitori hanno ricevuto anche il consenso del Comitato di quartiere, con il quale hanno avuto un incontro: “Il comitato di quartiere ha dato il proprio appoggio a chiedere al sindaco di dissuadere i proprietari dall’impiantare un vigneto in un sito tanto sensibile. Il comitato ha anche convenuto sull’opportunità di cercare di far cambiare il regolamento intercomunale di polizia rurale, chiedendo di prevedere distanze più congrue dai siti sensibili”.

 

Richieste che i genitori hanno posto direttamente al primo cittadino Roberto Tonon durante un incontro avuto con lui nella mattinata di ieri, martedì 8 gennaio. “Il sindaco ha convenuto con noi che è di primaria importanza la tutela della salute dei nostri figli e ci ha assicurato che sta lavorando per questo. Gli abbiamo anche chiesto di valutare la possibilità di riservare una fascia del terreno in questione per la creazione di un parco pubblico, che nel quartiere di San Giacomo purtroppo manca, e lui ci ha detto che si attiverà per verificarne la fattibilità. Siamo felici di aver ricevuto anche l’appoggio della Marcia Stop Pesticidi, che condivide il nostro pensiero sulla necessità di tenere i vigneti lontani dalle scuole e dai siti sensibili e ci fa piacere che anche l’europarlamentare Giancarlo Scottà e il consigliere comunale Alessandro De Bastiani abbiano speso delle parole in nostro favore, proponendo la coltura alternativa dei gelsi – spiegano i genitori -. Abbiamo accolto positivamente soprattutto le dichiarazioni del presidente della Regione Luca Zaia, che nei giorni scorsi ha dichiarato che non firmerà più autorizzazioni per ampliare i vigneti di prosecco già esistenti o per nuovi impianti. Ora speriamo che voglia accogliere la nostra richiesta di poter avere un incontro, da noi chiesto prima di Natale, per discutere con lui della necessità di tutelare la salute dei nostri figli”.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×