20/11/2017foschia

21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

20 novembre 2017

Niente assegno di divorzio all'ex che non vuole trovare lavoro e convive con un'altra persona

immagine dell'autore

Avv. Luigi Maschio | commenti |

Non dubito che più di qualcuno sarà entusiasta dell’orientamento che la Corte di Cassazione sembra aver preso in merito al diritto al mantenimento dell’ex coniuge.

Recentemente, infatti, con l’ordinanza n°14244/2016, la Cassazione ha rigettato il ricorso promosso dalla donna che in appello si era vista togliere l’assegno riconosciutole da Tribunale e ciò perché:

- quest’ultima, pur potendo lavorare, non si impegnava a trovare un impiego;

- la stessa conviveva stabilmente con un altro uomo che poteva fornirle un sostegno economico.

La Corte di Cassazione, dunque, mantiene l’orientamento adottato in un’altra precedente pronuncia relativa ad un caso analogo a questo.

Invero, con la sentenza n°11870/2015, la Suprema Corte aveva rigettato il ricorso della moglie affermando che «per poter valutare la misura in cui il venir meno dell’unità familiare ha inciso sulla posizione del richiedente è necessario porre a confronto le rispettive potenzialità economiche, intese non solo come disponibilità attuali di beni ed introiti, ma anche come attitudini a procurarsene in grado ulteriore».

Nel caso di specie, i Giudici avevano affermato che la Signora era «dotata di capacità lavorativa», ma non aveva fornito prova della «impossibilità oggettiva di procurarsi mezzi adeguati per mantenere un tenore di vita analogo a quello mantenuto in costanza di matrimonio».



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×