23/08/2017quasi sereno

24/08/2017sereno

25/08/2017quasi sereno

23 agosto 2017

Treviso

MUSICA PER NEONATI

Una ricerca ne spiega gli influssi (sia negativi che positivi)

Claudia Borsoi | commenti |

Treviso – Una esperienza-ricerca iniziata nel 1980 per opera del prof. Leonardo Trevisan della Fondazione Premio Altino, e giunta alla maturazione proprio in questi giorni, spiega come l’ascolto musicale eserciti un ruolo molto importante nel bambino.

“Quest’arte” spiega il prof. Trevisan “influisce in parte negativamente e in parte positivamente sulla gestazione e sullo sviluppo sensitivo del bambino fin dalla nascita. L'ascolto musicale esercita un ruolo molto importante nel bambino, facendo appello a tutte le facoltà, e precisamente: alla sensorialità per quanto riguarda il ritmo, il suono; all'affettività, per quel che riguarda la melodia musicale; all'intelligenza, per tutto ciò che è armonia e presa di coscienza del linguaggio musicale”.

Ma quale musica far ascoltare ai neonati? “La musica che più si presta alla gestante e al bambino fin dalla nascita è quella tonale non drammatica: sinfonie, concerti, forme strumentali libere (ballate, scherzi, valzer, improvvisi, rapsodie, notturni, preludi...) anche se elaborate con l'inserimento di strutture ritmiche, armoniche, appartenenti alla musica leggera dando una luce particolare a quel dato brano. E ancora balletti, romanze, suites, folklore e canzoni che riescono creare momenti piacevoli, distensivi e di allegria”. Lo stato di ansia, il senso di paura proviene invece, secondo la ricerca, da espressioni musicali di musica elettronica, concreta, dodecafonica e rock duro adoperata come sottofondo a commedie e films.

Alcuni studi condotti nel reparto maternità di un ospedale della Florida hanno evidenziato che l’ascolto quotidiano di una cassetta musicale di 60 minuti, contenente ninne nanne o canzoni per bambini, portava ad abbreviare la durata del ricovero ospedaliero (di almeno cinque giorni) dei neonati prematuri e di basso peso. Nel gruppo di neonati che ascoltava le canzoni, rispetto al gruppo che non l’ascoltava, il calo di peso era minore, la quantità di latte assunto più elevata e il livello di stress meno accentuato. In un altro studio, compiuto dall’Università di Harvard, 90 bambini di 6 mesi d’età sono stati invece sottoposti a più riprese ad ascolti musicali legati a due tipi di composizioni: sotto l’influenza di musiche che apparivano consonanti  (Mozart, Vivaldi…), i piccoli restavano tranquilli, buoni e silenziosi; mentre frignavano irritati alle prime note dissonanti dei lavori di Schönberg, Weber.

C.B.

 



Claudia Borsoi

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×