22/09/2014temporale e schiarite

23/09/2014sereno

24/09/2014velature lievi

22 settembre 2014

MULTA A CHI ENTRA IN SITI PORNO, MA È UN VIRUS-TRUFFA

Schermata della polizia in cui si dice che il computer è stato bloccato e per sbloccarlo servono 100 euro

(4) |

CONEGLIANO – Svariate le segnalazioni arrivate alla polizia nella zona di Conegliano, cinque soltanto ieri. Degli internauti sono rimasti stupiti quando hanno visto apparire, durante la navigazione in siti porno, una schermata col logo della polizia: «Sei entrato in un sito proibito, sei stato controllato, il computer è stato bloccato».

E per riattivarlo era necessario versare 100 euro in un conto corrente. Gli utenti si sono rivolti alla polizia, che ha smentito categoricamente ed ha avviato le indagini per capire di che cosa si tratti. Di mezzo c’è ovviamente qualcuno che punta a far soldi.

Il conto corrente indicato risulta far capo ad una banca in Nigeria, mentre la schermata altro non è che un virus, che peraltro danneggia in modo serio in computer e non è facile farlo ritornare come prima. Se una parte degli internauti incappati nel virus si è rivolto alla polizia, ci sarebbe anche chi ci ha creduto e, forse per non farlo sapere ai famigliari, ha pagato e se n’è stato zitto (si stima finora siano in un numero compreso tra i venti ed i trenta coloro che hanno pagato la “multa”).

La schermata sotto accusa non apparirebbe solo in siti porno, ma anche in siti di cucina: tra le telefonate giunte ieri al Commissariato di Conegliano c’è anche quella di una signora di settant’anni che se l’è trovava mentre stava cercando una ricetta.

Tempo fa si erano già verificati dei casi simili, in particolare quando era stato diffuso in rete il video hard di Belen, che aveva scatenato molto interesse.

La Questura invita chi dovesse trovarsi alle prese con questo tipo di problema a comunicarlo immediatamente.

Matteo Ceron

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Commenta questo articolo


davvero qualcuno ha pagato? ma come si fa?!?! pure a me è comparsa quella schermata, ma, vivaddio, è pure scritta in un italiano incerto. Su dai, un po' di cervello gente..si capisce lontano un miglio che è una truffa!

segnala commento inopportuno

HA HA HA HA HA...
Se non so guidare non uso la macchina...
Se non so arrampicare non vado sulle 3 cime...
se...
se...

Se non so usare internet... gioco a "campo minato"...

segnala commento inopportuno

Ciao,
mi permetto di dare alcune precisazioni a riguardo, avendo avuto modo di affrontare e debellare questo “terribile” virus.

La videata che compare a video altro non è che una immagine (JPG) che viene avviata in automatico all’accensione del computer, per rimuoverla è sufficiente far partire in PC in modalità provvisoria ed eliminare il collegamento dalla voce di menù “Esecuzione automatica” e il file stesso, che dovrebbe essere presente in C:\ Windows\.

Non provoca nessun danno al PC, è un “virus” fatto in casa, il suo scopo non è quello di danneggiare il PC, ma di racimolare soldi. Ad un esame attento del messaggio si capisce che è una bufala, infatti si trova scritto che la persona ha visitato siti porno, pedopornografici e sono state inviate mail terroristiche. Già questo dovrebbe far pensare ….

CIAO,
Roberto

segnala commento inopportuno

E' successo anche a me ... e stavo guardando innocentissimi siti di ricette per dolci ...
Vi dirò che NON CI HO MAI CREDUTO; ho chiamato anche io la polizia per segnalare la cosa e loro mi hanno tranquillizzata. Non essendo una super smanettatrice di pc come il primo commentatore di questo articolo, ho semplicemente riprtato il pc al "punto di ripristino" di qualche giorno prima ... perchè effettivamente il virus è SUBDOLO, l'immagine si ripresenta ad ogni avvio del PC; non basta "spegnere e riavviare" ... però SI CAPISCE che è una bufala ... e non credo qualcuno abbia pagato, me lo auguro almeno !!! :-D

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

08/09/2014

Torna dai Caraibi col virus

Una 40enne di Preganziol ha scoperto l'infezione da "Chikungunya" dopo aver accusato un malore

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Salvini ha annunciato uno sciopero fiscale per il 14 novembre. Qual è la tua risposta?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.855

Anno XXXIII n° 18 / 25 settembre 2014

Un po' di Islam. In affitto

A tu per tu (e a piedi scalzi se ci si trova nella sala di culto, maldestramente chiamata “moschea”) con i musulmani trevigiani. Che qui abitano, pregano (dove possono), lavorano.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×