19/12/2014banchi di nebbia

20/12/2014sereno con foschia

21/12/2014sereno

19 dicembre 2014

E' morto Negrini, paroliere dei Pooh

MILANO - È morto a 66 anni Valerio Negrini, musicista e paroliere, noto per essere il fondatore nonché l’autore dei testi della maggior parte delle canzoni dei Pooh. Negrini si è spento nel tardo pomeriggio di ieri all’ospedale Santa Chiara di Trento, in seguito a un infarto.

 

Nato il 4 maggio del 1946 a Bologna, Negrini, fu prima batterista - e talora voce solista - dei Pooh, poi dal 1971 si dedicò solo alla composizione dei testi del gruppo, lasciando le bacchette a Stefano D'Orazio. Il suo partner più assiduo nella composizione è Roby Facchinetti, in coppia con il quale ha composto numerose canzoni di successo. È stato ribattezzato da molti “il quinto Pooh”, ma lui non gradiva questa definizione. Lascia tre figlie: Alice nata nel 1979, Linda nel 1990 e Ginevra nel 2006. E la moglie Paola con cui era sposato dal 1995. Per la band lascia un vuoto incolmabile.

 

“È troppo difficile, in un momento come questo, riuscire a racchiudere in poche parole la nostra sofferenza - dicono Roby Facchinetti, Dodi Battaglia e Red Canzian -, possiamo soltanto dire che la nostra strada è stata sempre tracciata dalla sua poesia”. Oltre che fondatore, Negrini era stato il primo batterista dei Pooh prima di lasciare le bacchette a Stefano D’Orazio, che lo ricorda con particolare commozione: “Non ci sono parole per descrivere un dolore così grande ed improvviso -dice D’Orazio - è una parte della mia vita che se ne va e già sento un vuoto incolmabile, buon viaggio amico mio”.

 

(Adnkronos)

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

I più Letti di Italia

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Renzi lancia la candidatura italiana per le Olimpiadi 2024. Che ne pensi?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.860

Anno XXXIII n° 24 / 18 dicembre 2014

Ladri di mestoli e rapinatori in mutande

Brindiamo al 2015, sorridendo (almeno un po’). A poche ore dal capodanno vogliamo proporvi le vicende (verissime) che - malgrado tutto - ci hanno fatto divertire. Perché, a volte, anche la cronaca diventa cabaret

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×