17/11/2017quasi sereno

18/11/2017quasi sereno

19/11/2017foschia

17 novembre 2017

Montebelluna

Monumento ai Caduti di Covolo, dal Comune fondi per il restauro

Destinati 3.500 euro a Parrocchia ed associazione Noi e Combattenti

commenti |

PEDEROBBA - Contributo del Comune di Pederobba per restaurare il Monumento ai Caduti di Covolo. La giunta comunale ha accolto la richiesta di contributo economico  presentata dalla Parrocchia di Covolo, dall’Associazione Noi “Romeo Vitali” di Covolo e dall’Associazione Combattenti e reduci di Treviso e quindi sono stati destinati al monumento 3.500 euro.

Anche chi gestisce l’Associazione Combattenti e Reduci, venendo meno i soci, ha deciso di chiudere l’associazione stessa e di destinare tutti i fondi stanziati per contribuire al restauro del monumento.

 

Si tratta di un complesso monumentale che ricorda i caduti di Covolo ideato e progettato negli anni ’30 dall’architetto Giovanni Possamai di Pieve di Soligo, su committenza di un apposito Comitato.

 

Il monumento si apre a cospetto del sacro fiume e ricostruisce un episodio della guerra di difesa che ebbe in questo luoghi sopravvento su quella di movimento e di offesa.  Il gruppo che forma la parte figurativa e monumentale dell’opera è costituto da tre figure in bronzo di grandezza superare al naturale.

 

Una di queste figure rappresenta il combattente, una il caduto e la terza, che si erge in mezzo a loro, pure vivendo la stessa realtà delle prime due, vuole assurgere a simbolo. E’ un combattente che strappandosi la giubba, scopre il petto ognuno in atto di offrirlo per suprema insuperabile difesa alla Patria.  Sulle quattro facce del basamento sono state collocate quattro lapidi di marmo con incisi in piombo i nomi dei Caduti gloriosi, divisi in caduti sul campo e morti per cause di guerra. Ora il monumento necessita di una adeguata ristrutturazione.

 

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×