21/07/2018possibile temporale

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Montebelluna

Montebelluna, ecco i primi diplomati in architettura e ambiente al Veronese

L’indirizzo era partito cinque anni fa. Si tratta di 10 ragazze e 3 ragazzi

commenti |

diplomati

MONTEBELLUNA - Ecco i primi diplomati del liceo artistico di Montebelluna. Per l’istituto “Veronese” la maturità 2018 segna una tappa speciale. Si diplomano infatti i primi studenti che hanno frequentato il liceo “artistico”, partito cinque anni fa con l’indirizzo “architettura e ambiente”.

 

“Si tratta di 10 ragazze e 3 ragazzi che hanno vissuto un’esperienza splendida dando, anno dopo anno, prova di maturità, educazione e passione – viene spiegato in una nota diffusa dal Veronese -. Nessuno di loro si è diplomato con il massimo dei voti ma la media in uscita è complessivamente buona. Soprattutto, sono stati molto apprezzati dai commissari gli approfondimenti portati, che dimostrano una buona dose di originalità. Ad esempio, c'è chi ha ricostruito la stanza in cui fu tenuto prigioniero Aldo Moro, chi ha varato un progetto di allestimento di una mostra sui Pink Floid e chi ha ideato un monumento in ricordo dei ragazzi del ’99. Ma ci sono anche un centro di terapie pediatriche, una scuola dell’infanzia e molto altro”.

 

"Sono orgogliosa dei nostri ragazzi - dice la dirigente scolastica Rosita De Bortoli -. Hanno creduto in questo nuovo percorso di studi arrivando a tagliare il traguardo. Ringrazio i docenti per averli accompagnati con entusiasmo e fiducia. Forti dei ricordi di tanti momenti emozionanti, continueremo il nostro impegno affinché il Liceo Artistico del Veronese continui a crescere e ad avere il meritato riconoscimento".

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×