19/04/2014pioggia debole

20/04/2014temporale e schiarite

21/04/2014temporale e schiarite

19 aprile 2014

MOGLIANO, ECCO I NUOVI CENTRI ESTIVI

Tutte le date e le agevolazioni per i nuclei familiari

|

Mogliano - L’Assessorato alla Pubblica Istruzione (nella foto l'assessore Gosetto) ha programmato l’attività dei Centri Estivi 2010.

La novità più rilevante è il prolungamento del servizio fino alla data del 13 agosto, allo scopo di andare incontro alle esigenze delle famiglie moglianesi.

I Centri Estivi, dunque, termineranno per tutti il 13 agosto 2010, mentre la data di inizio delle attività è differenziata: per i bambini dai 7 agli 11 anni il 21 giugno presso la scuola primaria “Olme”, per i bimbi dai 4 ai 6 anni il 5 luglio presso la scuola dell’infanzia “J. Piaget”.

Rispetto allo scorso anno saranno incrementate le agevolazioni per i nuclei familiari con due o più figli frequentanti il centro estivo: a partire dal secondo figlio saranno applicati sconti non più del 10% bensì del 25%.

I bambini potranno svolgere diverse attività: giochi di movimento individuali e collettivi, sport, piscina, progettazione e costruzione di oggetti, canto, teatro, danza, studio assistito, ecc., con possibilità di tempo ridotto o tempo pieno.

Le iscrizioni potranno essere effettuate presso Punto Comune indicativamente nella seconda metà del mese di maggio 2010.

Per i dettagli sarà diffuso presso le scuole del territorio, con congruo anticipo, il relativo volantino.

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Commenta questo articolo

Dello stesso argomento

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Tutti hanno detto la loro. Ma chi sono secondo te i secessionisti veneti?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.845

Anno XXXIII n° 8 / 24 aprile 2014

Vuoi vedere che torna il Giro?

Vittorio Veneto ha un record legato al Giro d’Italia. E tanti aneddoti connessi alle due ruote. E tanti campioni da affiancare al campionissimo (e nostranissimo) Bottecchia o a quel Coppi che stava per schiantarsi ai Gai. A raccontarci il Giro (più curioso) d’Italia e di Vittorio Veneto è il pedale (scusate: la penna) di Ido Da Ros

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×