25/09/2018sereno

26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno

25 settembre 2018

Vittorio Veneto

Mistero sulla morte di Elda Tandura: nessuna prova sul compagno

Per il Riesame non ci sono prove che le lesioni siano riconducibili a una condotta violenta del compagno

commenti |

VITTORIO VENETO - E’ impossibile ricostruire il momento della caduta e attribuirla effettivamente ad una spinta o ad un colpo inferto dall’indagato.

 

Questa la motivazione per cui il Tribunale del Riesame ha deciso di rimettere in libertà il compagno di Elda Tandura, morta lo scorso 24 ottobre.

 

Non ci sono quindi gli estremi per l’arresto dell’amico/compagno, accusato di omicidio preterintenzionale. Non ci sono le prove che attestino che le lesioni riportate dalla donna siano riconducibili ad un’azione violenta dell’indagato.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×