22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Montebelluna

Messa in sicurezza anello viario: si conclude il primo stralcio

Sistemati i cordoli delle due aiuole spartitraffico in centro

commenti |

MONTEBELLUNA - Saranno completati tra oggi i lavori relativi al primo stralcio per la messa in sicurezza della viabilità del centro storico, resosi necessario dopo i lavori per realizzare la pedonalizzazione.

L’intervento comporterà la sistemazione dell’incrocio tra via Dei Martini, via Bertolini e via De Gasperi, dei marciapiedi e degli attraversamenti pedonali e la relativa asfaltatura. “Si darà cosi risposta in particolare alla richiesta di allargamento del marciapiede nei pressi dell’incrocio tra via Bertolini e via De Gasperi, come richiesto dal comitato civico di San Gaetano per mettere in sicurezza l’attraversamento degli studenti diretti alle scuole medie”, viene comunicato in una nota del Comune di Montebelluna.

 

“Gli interventi stanno riguardando la posa dei cordoli delle aiuole dei due spartitraffico: quello all’incrocio tra Corso Mazzini, via Roma e via Pastro e quello all’incrocio tra corso Mazzini, via Santa Maria in Colle e via Bertolini - spiega l’assessore ai lavori pubblici, Michele Toaldo -. E’ atteso poi il completamento del secondo stralcio che riguarda la sistemazione della viabilità dell’anello viario nell’area occidentale. Dovrà infatti essere formulato il progetto per la messa in sicurezza nel comparto tra via Bertolini, via Dei Martini a seguito dell’accordo raggiunto con il privato per l’abbattimento della casa Rossa”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×