20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Benessere

Meno materia grigia con videogiochi dove si spara in prima persona.

AdnKronos | commenti |

Roma, 9 ago. (AdnKronos Salute) - Le persone che giocano abitualmente a videogiochi in cui si spara in prima persona, come 'Call of Duty', hanno meno materia grigia nell'ippocampo, un'area del cervello che svolge un ruolo importante nella memoria a lungo termine. Un danno che non si evidenzia in altri giochi violenti, indica uno studio condotto da Gregory West, docente di psicologia all’università di Montreal, e da Véronique Bohbot, docente di psichiatria all'università McGill, pubblicato su 'Molecular Psychiatry'.

In passato diverse ricerche hanno dimostrato che chi si impegna spesso in giochi di questo tipo ha una maggiore attenzione visiva, una migliore memoria a breve termine e una motricità fine più evidente. Il nuovo studio, però, lancia l'allarme sulle conseguenze per l'ippocampo, poiché il suo indebolimento aumenta i rischi di malattie mentali o neurologiche come depressione, schizofrenia, sindrome da stress post traumatico e Alzheimer.

Secondo i ricercatori, inoltre, è sconsigliabile per chi soffre delle malattie citate seguire trattamenti basati sulla pratica di videogiochi d'azione. Ma i produttori di questi 'game' potrebbero fare molto per evitare i danni con alcune modifiche ai giochi. Basterebbe variare i loro prodotti in modo da favorire le strategie di apprendimento spaziale e, così, favorire la conservazione della materia grigia nell'ippocampo.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×