20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Conegliano

Meningite a Conegliano, l'Ulss si difende: "Caso gestito con tempestività ed efficienza"

commenti |

CONEGLIANO - L’Ulss 2 “Marca Trevigiana” si difende, dopo le voci circolate sulla stampa locale in questi giorni. Il caso riguarda la bambina di 5 anni ricoverata per meningite da meningococco di tipo B, e le successive operazioni di profilassi nell’asilo frequentato dalla bimba. “L’informazione sul caso è state tempestiva e capillare.

 

Nella giornata di domenica 08 ottobre, non appena pervenuta la conferma della diagnosi di meningite da meningococco B per la bambina di 5 anni frequentante la scuola materna di un comune dell’hinterland di Conegliano, i Dirigenti del Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Distretto Pieve di Soligo hanno tempestivamente informato il Sindaco competente per territorio e il Dirigente Scolastico interessato.

 

Il Dirigente Scolastico ha concordato per l’indomani mattina l’avvio delle attività di profilassi antibiotica per i bimbi della Scuola Materna e per gli altri contatti. Presso la scuola ha operato, per l’effettuazione della profilassi e le attività di informazione, per l’intera giornata di lunedì, personale di assoluta competenza e professionalità.

 

Nel dettaglio sono state presenti per l’intera giornata: la dott.ssa Ester Chermaz (responsabile della profilassi delle malattie infettive del Distretto Pieve di Soligo, specialista in Igiene e Medicina Preventiva e in Pediatria) e le assistenti sanitarie, dott.ssa Ariella Tomè (coordinatrice) e dott.ssa Silvia Pivetta (referente per la profilassi delle malattie infettive).

 

Presso la scuola materna sono stati profilassati 66 bambini, vale a dire tutti i presenti ad eccezione di uno che era già in terapia antibiotica. Tutte le operazioni di profilassi, allargate per massima precauzione all’intera scuola materna, si sono svolte con assoluta regolarità e in un clima collaborativo con tutti i genitori. Unica eccezione un paio di mamme “no vax” che hanno colto l’occasione per esprimere le loro perplessità rispetto alla terapia antibiotica e alle vaccinazioni pediatriche.

 

“Spiace constatare - sottolinea l’Ulss 2 - come, nell’ambito di un caso gestito con assoluta tempestività ed efficienza, con il coinvolgimento di tutti gli attori interessati, venga data enfasi a qualche marginale situazione “conflittuale” in tema di farmacoterapia anziché alla sostanza dell’evento”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×