22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Agenda

Medico di campagna.

Cinema all'aperto

Spettacolo - Teatro - Cinema

quando lunedì 17 luglio 2017, ore 21.15
dove Treviso
Treviso - Oratorio Aurora, Chiesa Votiva
prezzo € 4,50 Intero, € 4,00 ridotto per ragazzi fino a 12 anni, Arci 2017, Anspi, Agis, Coop Alleanza 3.0 e adulti sopra i 65 anni
organizzazione Arci Treviso

Tutti gli abitanti di un paesino di campagna possono contare su Jean-Pierre, il medico che li ascolta, li cura e li rassicura giorno e notte, sette giorni su sette. Malato a sua volta, Jean-Pierre assiste all’arrivo di Nathalie, che esercita la professione medica da poco tempo e ha lasciato l’ospedale dove lavorava per affiancarlo. Riuscirà ad adattarsi a questa nuova vita e a sostituire chi si ritiene insostituibile?

 Il medico ha il volto segnato di François Cluzet, il ricco tetraplegico di “Quasi amici”, uno dei più noti attori del cinema francese.

 Il film, umano e solare, racconta la medicina nella provincia francese, trascurata dai servizi pubblici e disorientata dagli effetti della globalizzazione

In caso di maltempo presso: Cinema Teatro Aurora, via Venier 32

Altri Eventi nella categoria Spettacolo - Teatro - Cinema

Trevignano

22/09/2017 dalle 20:30 alle 22:30 - Teatro Comunale, via Giacomo Puccini 1, Falzè

La transumanza della pace.

Naturalmente Trevignano - Settimana dell'ambiente

Trevignano

23/09/2017 dalle 21:00 alle 23:00 - Teatro Comunale, Via Giacomo Puccini 1 - Trevignano

Big Bang.

CombinAzioni festival cultura montebelluna

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×