20/09/2018sereno

21/09/2018sereno

22/09/2018possibile temporale

20 settembre 2018

Treviso

Maxi rissa tra ragazzini ai Battuti, volano calci e pugni

Acampora:"Mai risolto il problema in quella piazza", Il Comune:"Servono controlli ma anche prevenzione"

Isabella Loschi | commenti |

vpiazza santa maria dei battuti

TREVISO - Torna al centro delle cronache piazza Santa Maria dei Battuti, teatro di una maxi rissa tra ragazzini. E’ successo martedì pomeriggio, mentre in città si festeggiava il carnevale.

I giovanissimi, tutti minorenni, appartenenti a due gruppi diversi sono venuti allo scontro, per cause ancora da chiarire, prima a parole, poi con calci e pugni. Qualcuno durante la zuffa addirittura avrebbe lanciato una bicicletta. A chiedere l’intervento delle forze dell’ordine sono stati i residenti.

Sull’episodio e la gestione della piazza è critico il consigliere di opposizione Davide Acampora: “La lungimiranza di un amministratore dovrebbe essere quella di prevenire e non metterci sempre una toppa dopo un disastro annunciato - dichiara - Il problema sociale che si verifica oramai da mesi sulla quella piazza, e per il quale io avevo chiesto già all'inizio del 2017 in consiglio comunale un intervento pronto e deciso da parte dell’amministrazione, non è mai stato risolto. Diciamo che costruire nuove piazze e poi non essere in grado di controllarle e valorizzarle è la specialità di questa amministrazione”.

Sul problema il Comune ha deciso di aprire un tavolo per cercare di risolvere la situazione. Lo farà non solo con la repressione e l’aumento dei controlli, ma anche con un approccio educativo verso i ragazzi e le loro famiglie, eventi e manifestazioni che rendano la piazza viva e frequentata.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×