07 dicembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Ludopatia, Ulss7 sperimenta progetto pilota a livello nazionale

Un progetto per prevenire la dipendenza da gioco d'azzardo giovanile

commenti |

commenti |

Ludopatia, Ulss7 sperimenta progetto pilota a livello nazionale

PIEVE DI SOLIGO - Imparare "le regole del gioco" per evitare di cadere nelle trappole del gioco d'azzardo patologico: è l'obiettivo del progetto che l'Ulss 7 di Pieve di Soligo, prima in Italia, ha avviato in collaborazione con due scuole superiori.

 

"Nella prima fase dell'intervento si va a individuare, grazie a un questionario che i ragazzi compilano on line, il profilo di rischio individualizzato - precisa Carlo Cenedese, referente del Centro per le dipendenze giovanili dell'Ulss 7 - sulla base di quello che emerge, ed è questo l'aspetto davvero innovativo, ogni studente sarà invitato a svolgere specifiche attività su una piattaforma informatica. Le esercitazioni riguardano semplici giochi di probabilità, quiz informativi e vere e proprie esperienze di gioco, finalizzate a mettere in luce gli inganni del gioco d'azzardo e i rischi connessi allo sviluppo di una dipendenza".

 

"Si tratta una tipologia di intervento - spiega Michela Frezza, direttore del Servizio per le dipendenze dell'Ulss 7 - che si realizza prevalentemente su piattaforma informatica e che si sta diffondendo a livello internazionale sotto la denominazione di electronic screening and brief intervention. Ultimata la fase sperimentale a valutare i risultati sarà l'Università di Padova. Se saranno confermati i buoni risultati ottenuti nel Regno Unito, il progetto sarà esteso a livello nazionale e potrà diventare uno strumento da utilizzare per la prevenzione allo sviluppo della dipendenza da gioco, grazie all'approccio "smart" e multimediale, particolarmente adatto ai giovani".

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×