28/08/2015quasi sereno

29/08/2015sereno

30/08/2015sereno

28 agosto 2015

Lettera Insegnanti ITIS G.Galilei di Conegliano

03-03-2011 - Conegliano

Itis Galilei | commenti

Agli allievi dell’ Istituto Tecnico Industriale Statale “G. Galilei” di Conegliano e alle loro famiglie

e p.c.

alla redazione della Tribuna di Treviso

alla redazione del Gazzettino di Treviso

alla redazione di Oggi Treviso

 

Nei giorni scorsi il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha affermato:

"Libertà vuol dire avere la possibilità di educare i propri figli liberamente, e liberamente vuol dire non essere costretti a mandarli in una scuola di Stato, dove ci sono degli insegnanti che vogliono inculcare principi che sono il contrario di quelli che i genitori vogliono inculcare ai loro figli educandoli nell’ambito della propria famiglia".

Noi, insegnanti dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “G. Galilei” di Conegliano, sentiamo il bisogno di manifestare il nostro sconcerto e tutta la nostra indignazione rispetto a tali affermazioni che riteniamo gravemente offensive del nostro ruolo di educatori.

Facciamo presente che la nostra azione è ispirata ai seguenti principi:

VALORIZZAZIONE DELLE DIVERSITA', rapportandosi con l'utenza senza discriminazione di sesso, origine, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socioeconomiche.

RISPETTO DELLA PERSONA, offrendo a tutti opportunità formative che sviluppino adeguatamente le potenzialità di ciascuno.

SOCIALITA', promuovendo momenti di partecipazione dell'utenza alla vita scolastica.

TRASPARENZA, consentendo il libero accesso alle informazioni e ai documenti relativi all'ambito scolastico, nel rispetto della Legge n. 196/1997.

,principi riportati nel Piano dell’Offerta Formativa, approvato dal Collegio dei Docenti e sottoscritto dai genitori all’atto dell’iscrizione a questa scuola.

Riconosciamo nelle parole del Presidente del Consiglio l’ennesimo grave attacco finalizzato alla demolizione della scuola pubblica, già vittima di tagli ai finanziamenti, di licenziamenti di massa di precari, del blocco dei salari e dei contratti, ora anche della mortificazione della professionalità dei propri insegnanti.

Trasformare i sudditi in cittadini è miracolo che solo la scuola può compiere (Piero Calamandrei)

 



Commenta questo articolo


Pubblica le tue lettere

Il servizio di pubblicazione delle lettere è semplice e gratuito. Aziende e privati possono utilizzare questo servizio.


Pubblica ora!

Lettere in Evidenza


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

I profughi hanno veramente creato disagi e problemi di ordine pubblico nella Marca?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.875

Anno XXXIV n° 15 / 3 settembre 2015

CANTA CHE TI KANSEIL

Bolkhènt im lant bomme tzimbarn, “Benvenuti nella terra dei cimbri”

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×