26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno

28/09/2018sereno

26 settembre 2018

Treviso

Lascia la pentola sul fuoco, la casa va a fuoco mentre il marito sta dormendo

Il 47enne è stato svegliato non senza fatica dalla polizia ed è stato tratto in salvo

commenti |

polizia

TREVISO - Lascia moglie lascia la pentola sul fuoco e la casa va a fuoco mentre il marito sta dormendo. Fortunatamente sono intervenuti la polizia ed i vigili del fuoco che hanno scongiurato il peggio. Ieri pomeriggio poco dopo le 17 i poliziotti delle volanti sono intervenuti presso un’abitazione alle porte di Treviso per la segnalazione di un incendio.

 

Giunti sul posto, gli agenti hanno suonato più volte al campanello senza avere nessuna risposta. Considerata la gravità della situazione e vedendo uscire del fumo delle tapparelle, i poliziotti hanno fatto intervenire un’altra volante, i vigili del fuoco e personale del Suem. In attesa dei rinforzi, i poliziotti hanno scavalcato il cancello e si sono arrampicati per raggiungere il balcone e trovando la porta e le finestre chiuse hanno iniziato a battere forte alla porta finestra.

 

Solo dopo numerosi tentativi, un uomo, 47enne, ha aperto la porta lasciando entrare gli agenti che, trovando l’appartamento saturo di fumo e con poca visibilità, hanno prestato i primi soccorsi.

L’uomo ha dichiarato che stava dormendo, in quanto turnista al lavoro, e che sua moglie era uscita lasciando la pentola sul fuoco. Nel frattempo sono giunti i vigili del fuoco che hanno provveduto ad effettuare i vari controlli e a ristabilire la salubrità del luogo.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×