20/11/2017foschia

21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

20 novembre 2017

L’inquilino può smettere di pagare se ci sono infiltrazioni e muffa?

immagine dell'autore

Avv. Luigi Maschio | commenti |

L’inquilino può legittimamente sospendere l’intero pagamento dei canoni di locazione a causa della presenza di infiltrazioni e/o di muffe?

Con sentenza del 21 giugno 2016, il Tribunale di Cassino si è trovato a dover decidere proprio un caso analogo.

L’inquilino aveva convenuto in giudizio il proprietario dell’immobile per ottenere la risoluzione del contratto di locazione per il grave inadempimento di quest’ultimo per non aver eseguito le opere di manutenzione straordinaria necessarie al fine di eliminare le infiltrazioni e, quindi, l’umidità e l’insorgenza delle muffe.

Il locatore, invece, chiedeva che la domanda del conduttore fosse respinta e domandava, a propria volta, la risoluzione del contratto per inadempimento del proprio inquilino per omesso pagamento dei canoni.

Il Tribunale di Cassino, ha rigettato la domanda dell’inquilino accogliendo invece quella del locatore.

Infatti, confermando l’orientamento della Giurisprudenza di Cassazione, il Tribunale di Cassino ha statuito che l’inquilino non può sospendere autonomamente la corresponsione del canone di locazione a fronte di supposti vizi dell’immobile oppure per omessa manutenzione dello stesso da parte del proprietario.

Quindi, il conduttore non può omettere di pagare il canone di locazione unilateralmente semplicemente lamentando una limitazione e/o diminuzione del godimento della cosa locata, anche se l’evento che l’ha causata è imputabile al locatore.

Solo se la controprestazione del locatore venisse a mancare completamente determinando, quindi, uno squilibrio delle prestazioni tale per cui il conduttore non può godere della cosa locata, la giurisprudenza ammette la possibilità per quest’ultimo di sospendere parzialmente o totalmente il pagamento dei canoni, secondo un obiettivo criterio di gradualità.

Infatti, conclude il Tribunale di Cassino, «secondo il principio inadimplenti non est adimplendum, la sospensione della controprestazione è legittima solo se conforme a lealtà e buona fede».



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×