26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno

28/09/2018sereno

26 settembre 2018

Oderzo Motta

L’Advar chiama, i Panevin rispondono

Cerimonia di consegna della raccolta fondi organizzata durante i tradizionali falò epifanici a Ponte di piave

commenti |

L’Advar chiama, i Panevin rispondono

PONTE DI PIAVE - Martedì 6 marzo 2018 nella sala consiliare alla presenza del Sindaco Paola Roma, della Giunta, e dei Comitati Panevin si è svolta la cerimonia di consegna ad ADVAR, nella mani della coordinatrice Advar opitergino mottense Gilda Faziello e dei volontari, dell'incasso raccolto in occasione dei tradizionali falò dell’Epifania.

"L'iniziativa - ha sottolineato il Sindaco Paola Roma - è stata possibile grazie all'impegno dei Comitati: il 'Panevin' è un appuntamento fisso per le nostre comunità ed il connubio 'tradizione' e 'solidarietà’ di un'intera comunità.

Anche quest'anno - ha proseguito il Sindaco - la raccolta fondi è destinata ad ADVAR, associazione che opera nella provincia di Treviso, una delle risorse più preziose del territorio, in particolare all’Hospice “Casa dei Gelsi”.

La Presidente dell’ADVAR - Anna Mancini Rizzotti - ha manifestato gratitudine all’intera comunità di Ponte di Piave ed in particolare i Comitati Panevin, ricordando quanto sia importante la vicinanza delle Istituzioni e del territorio a quanti sono impegnati quotidianamente nel difficile compito di prendersi cura dei malati e delle famiglie.

Un grande risultato ed esempio della sensibilità dei pontepiavensi. Cinque i Comitati che hanno partecipato al progetto: Comitato Festeggiamenti Busco, Comitato Festeggiamenti San Nicolò, Levada presso la famiglia Pezzutto, Borgo Roma, Calderba Ronche con l’A.S.D. Fausto Coppi presso la Famiglia Serafin.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×