21/07/2018temporale e schiarite

22/07/2018possibile temporale

23/07/2018possibile temporale

21 luglio 2018

Sport

Karate / Ren Bu Kan, si comincia... a Capodanno

Allenamento anche il primo giorno dell'anno, una tradizione che prosegue da trent'anni

Altri Sport

la Ren Bu Kan di Treviso

TREVISO - Un brindisi al 2018? La scuola Ren Bu Kan di Treviso (nella foto) per tradizione preferisce salutare il nuovo anno con un allenamento di karate.

E così ieri mattina, una trentina di associati, di tutte le categorie e tutte le età (compresi bambini ed agonisti), si sono trovati nella palestra di Treviso per una sessione dedicata ai fondamentali e kata di base a mani chiuse, per poi passare allo studio e all'applicazione della tecnica a mani aperte, specialità del celebre maestro giapponese Taiji Kase, cintura nera X Dan.

Non si tratta di un allenamento occasionale, come succede negli altri sport (che normalmente a Capodanno si fermano), ma appunto di una tradizione, istituita oltre trent'anni fa da Ofelio Michielan e dagli altri maestri della Ren Bu Kan. Fino a dieci anni fa, la tradizione era ancora più "rigida" e prevedeva l'inizio degli allenamenti alle 5 di mattina, in seguito posticipato ad orari più accessibili per permettere a tutti i praticanti, il cui numero è andato crescendo, di prendervi parte.

D'altra parte, il Karate Shotokan è più di uno sport: è un'arte marziale, una disciplina di vita che unisce tutti coloro che la praticano e per i quali ritrovarsi in gruppo per un allenamento è il modo migliore per iniziare insieme il nuovo anno. Un'abitudine piacevole e salutare, divenuta negli anni una tradizione più forte anche della tentazione agli eccessi del cenone di San Silvestro.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×