30/08/2015sereno

31/08/2015sereno

01/09/2015sereno

30 agosto 2015

ISPETTORI IN CAMPO CONTRO GLI ECOFURBI

Comincia l'attività di due operatori che lavoreranno per stanare chi semina rifiuti in giro per la città

MOGLIANO – Entrati ieri in servizio gli “ispettori ambientali” che coadiuvano la Polizia Locale e il Servizio Ecologia - Ambiente nel controllo del rispetto del Regolamento di gestione dei rifiuti.

Il Regolamento sulla gestione dei rifiuti prevede infatti la figura dell’ispettore ambientale, attraverso l’impiego di personale qualificato dipendente Veritas, che ha ottenuto la nomina direttamente dal Sindaco, dopo un corso di formazione e una prova di idoneità fatti dal Comando di Polizia Locale.

Il servizio verrà svolto da due operatori almeno due volte alla settimana in giorni non fissi, a rotazione, per sette ore. Il personale, che per le funzioni che svolge riveste lo status di pubblico ufficiale, potrà accertare e contestare esclusivamente le violazioni amministrative previste dal Regolamento di gestione dei rifiuti.

Quindi, potrà accertare e sanzionare l’abbandono dei rifiuti (sanzione di 500 euro), conferimento errato dei rifiuti, come ad esempio il conferimento della plastica nell’umido (sanzione di 100 euro), il conferimento nei contenitori destinati ad altri utenti (sanzione di 250 euro), mancata raccolta deiezioni dei cani (sanzione di 100 euro).

Gli ispettori ambientali saranno riconoscibili attraverso un apposito tesserino rilasciato dall’Amministrazione Comunale.

Il Comandante della Polizia Locale Stefano Forte: «Sono convinto che presto si creerà una corretta sinergia tra la Polizia Locale e gli Ispettori Ambientali nominati che porterà a un assiduo e costante controllo e accertamenti di quei comportamenti contrari alle previsioni del Regolamento di gestione dei rifiuti.

Ma la funzione degli ispettori ambientali non è esclusivamente quella di coadiuvare la Polizia Locale nel rintracciare e sanzionare i cosiddetti “ecofurbi”, bensì anche quella di informare e sensibilizzare i cittadini».

L’Assessore alle Politiche Ambientali Davide Bortolato: «L’obiettivo è sopratutto quello di migliorare e diffondere ulteriormente la cultura del rispetto dell’ambiente e del nostro territorio, oltre a far capire a tutti l’importanza di adottare comportamenti corretti rispetto allo smaltimento dei rifiuti.

L’istituzione degli ispettori ambientali vuole essere un’ulteriore iniziativa, fatta in collaborazione con Veritas, per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti e per migliorare sempre di più la raccolta differenziata nella città».

 



 

Commenta questo articolo


Quanto impegno c'è quando si tratta di far cassa.

segnala commento inopportuno

Quindi secondo Luca1 l'obiettivo è fare cassa?
Devo dedurre allora che Luca1 sia uno che piace sporcare,non differenziare i rifiuti e piace vedere le cacche dei cani nei marciapiedi e parchi. Bravo Luca1 continua così. Io raddoppierei la multa e farei pulire a loro le sporcizie varie...compreso Luca1.

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

I profughi hanno veramente creato disagi e problemi di ordine pubblico nella Marca?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.875

Anno XXXIV n° 15 / 3 settembre 2015

CANTA CHE TI KANSEIL

Bolkhènt im lant bomme tzimbarn, “Benvenuti nella terra dei cimbri”

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×