21/09/2017quasi sereno

22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

21 settembre 2017

Lavoro

Ischia, "alberghi sicuri, turisti non fuggano".

AdnKronos | commenti |

Napoli,22 ago. (Labitalia) - "Il terremoto che ha colpito Ischia rischia di provocare danni ingenti all'economia isolana". È quanto afferma il presidente di Confesercenti Interprovinciale (Napoli, Avellino e Benevento) Vincenzo Schiavo. "Siamo addolorati per il terremoto che ha colpito Ischia e per le vittime certificate -prosegue-. Esprimiamo la nostra profonda e sentita solidarietà alle famiglie colpite dal sisma e, come Confesercenti, ci siamo già attivati per supportare i nostri operatori turistici e del commercio, i loro clienti e le loro attività".

In tal senso la direzione nazionale di Confesercenti, di cui Schiavo è membro, ha attivato le procedure d’urgenza già offerte per altre calamità naturali, in modo da sostenere le perdite delle attività commerciali. "Ai nostri affiliati, alle imprese di Ischia colpite e danneggiate dal sisma - spiega Schiavo - offriamo finanziamenti a tasso zero per garantire loro una rapida ripartenza".

Le centinaia di disdette che in queste ore sono arrivate per cancellare prenotazioni alberghiere sono, tuttavia, figlie di un allarmismo eccessivo.

"Il preallarme non è veritiero. Ci teniamo a precisare- sottolinea Schiavo - che le strutture alberghiere di Ischia sono agibili e non presentano problemi di stabilità. In ogni caso spetta ai tecnici preposti dare, eventualmente, un parere. Allo stato attuale le strutture ricettive ischitane sono assolutamente sicure e possono ospitare i turisti. Questa fuga da Ischia è ingiustificata, il sisma ha provocato danni, purtroppo, su edifici vetusti del centro storico di Casamicciola".

"Gli alberghi attendono i turisti ai quali assicurano massima assistenza. Non dimentichiamo - conclude Schiavo, presidente anche di Confesercenti interregionale (Campania e Molise) - che Ischia ha una fortissima e radicata vocazione turistica, sarebbe un danno enorme all'economia dell’isola creare allarmismi eccessivi. Gli hotel non sono pericolanti e, in ogni caso, le strutture e gli albergatori sono pronti a trovare tutte le soluzioni del caso per assicurare un soggiorno sereno ai turisti in arrivo".

In questo senso ampie rassicurazioni vengono offerte anche da uno dei tour operator dell’isolaverde, la “Imperatore Travel World” che in una nota precisa: "Il ricettivo alberghiero, parchi termali, lidi balneari, la ristorazione e tutti gli altri servizi della filiera sono indenni e perfettamente operativi senza alcun danno ricevuto. La viabilità, con i suoi percorsi stradali principali e secondari, è nella norma, così come i trasporti pubblici e privati ed i collegamenti marittimi con la terra ferma; in particolare le corse dei traghetti e aliscafi sono perfettamente regolari sia in partenza che in arrivo, e le autorità pubbliche hanno istituito ulteriori corse supplementari a sostegno di quelle ordinarie per consentire l'agevole deflusso dall'isola in caso di necessità".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×