20/10/2017coperto

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Esteri

Intrappolati nel bosco in fiamme: 62 morti, anche bambini

commenti |

"E' la più grande tragedia provocata da incendi boschivi che abbiamo avuto negli ultimi anni". Così il primo ministro portoghese Antonio Costa che ha annunciato tre giorni di lutto nazionale per le vittime, 62 secondo un bilancio provvisorio, del catastrofico incendio che si è sviluppato nella zona di Pedrogao Grande, a circa 200 chilometri a nord di Lisbona. Vi sono almeno quattro bambini tra le vittime, molte delle quali sono morte nelle auto bloccate dalle fiamme mentre cercavano di fuggire dalla zona dell'incendio. Costa ha confermato che secondo le prime ricostruzioni si ritiene che l'incendio sia stato provocato da un fulmine (FOTO).

Sono almeno 59 i feriti, tra i quali molti vigili del fuoco, ricoverati in ospedale con ferite di vario grado. Le squadre dei vigili del fuoco, ha detto il funzionario del ministero dell'Interno portoghese Jorge Gomes, sono riuscite a mettere sotto controllo le fiamme in due delle quattro aree della zona di Pedrogao Grande. In alcune zone, la corrente elettrica è stata interrotta e numerose famiglie sono state evacuate.

"Sulla base delle informazioni raccolte in questo momento pensiamo, con un grande grado di certezza, che la causa sia stato un fulmine che ha colpito un albero secco", ha detto il direttore della protezione civile, Pedro do Carmo, precisando comunque che sarà necessaria un'indagine approfondita per confermare questa prima ipotesi. La velocissima propagazione dell'incendio si deve alle "condizioni meteorologiche estremamente avverse" con temperature che superano dai ieri i 40 gradi.

Più di 260 vigili del fuoco, supportati da circa 80 idranti veicoli, stanno lavorando per contenere le fiamme. I forti venti che interessano la zona hanno reso difficile il lavoro ai vigili del fuoco, visto che le fiamme si sono propagate con violenza. Pedrogao Grande ha una superficie di 128 chilometri quadrati, in cui vivono circa 4.000 abitanti, principalmente impiegati nei settori dell'agricoltura, e della produzione tessile.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×