20/10/2017coperto

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Treviso

INCENERITORI: GALAN CONTESTA IL CONSIGLIO

Secondo il Governatore servivano anche per portare in Veneto ricercatori. “Si è scelto di rinuncia al futuro”

Laura Tuveri | commenti | (6) |

Treviso/Venezia - "Il Consiglio regionale ha rinunciato alla possibilità di portare un passo avanti questa nostra regione". Il governatore Giancarlo Galan si riferisce alla decisione assunta ieri dal Consiglio regionale che ha posto uno stop alla realizzazione dei termovalorizzatori che gli industriali avevano chiesto di realizzare a Silea e a Mogliano.

L’esponente del Pdl ha usato parole dure contro questa decisione, salutata invece con grande soddisfazione dalla gente e dalla maggior parte dei consiglieri regionali. Galan ha stigmatizzato il fatto che con questa scelta "non ci saranno termovalorizzatori, e quello che conta di più - ha aggiunto -, non ci saranno sistemi innovativi per lo smaltimento dei rifiuti.

Non verranno ricercatori, anzi quelli che ci sono se ne andranno a lavorare da qualche altra parte". "Non ci saranno neppure impianti nucleari - ha proseguito - anche se sono presenti in Slovenia, a ben poca distanza da noi. Forse non ci sarebbero stati nemmeno con il sottoscritto.

Ma quello che è più grave è che così si rinuncia al futuro, alla ricerca, alle scelte più avanzate, come quelle che hanno portato a realizzazioni tecnologicamente all'avanguardia tra cui il Mose, il rigassificatore in Polesine, il Passante di Mestre. Sono opere che sono state fatte perché si è saputo guardare avanti". Il futuro, a detta di molti, sono, però, le energie rinnovabili e l’obiettivo “Rifiuti 0”.

 



Laura Tuveri

Commenta questo articolo


Ottime le conclusioni! Brava laurat.

segnala commento inopportuno

"non ci saranno termovalorizzatori, e quello che conta di più - ha aggiunto -, non ci saranno sistemi innovativi per lo smaltimento dei rifiuti.

ha ragione.. ma la strategia rifiuti 0 verte al recupero non allo smaltimento.. chi vuole smaltire non è capace di recuperare! viva il recupero di materia prima seconda, viva rifiuti zero!

ciao

ivan

segnala commento inopportuno

http://www.youtube.com/watch?v=mjZdoaKLhXA


Chi abita viino ad un "cancro-valorizzatore" è un Dead Man Walking....

segnala commento inopportuno

Dal sottotitolo" Secondo il Governatore servivano anche per portare in Veneto ricercatori. “Si è scelto di rinuncia al futuro”".
Non bastava lasciar fuggire all'estero i nostri Ricercatori, adesso li voleva pure incenerire.
E con il nucleare gli unici idonei a lavorarci sono i ricercatori sì, ma di profitti (SCHEI) e prebende politiche.
Mi saluti il Colosseo.

segnala commento inopportuno

Bisogna che la politica obblighi a produrre solo riciclabile al 100%!!

segnala commento inopportuno

nemmeno il loro Capo, che tipo di rifiuto sono ?
come riciclarlo con il minor danno possibile ?
come evitare il rischio di spandimenti ?
come ridurre i rischi per la falda freatica ?
come ridurre il rischio da contaminazione ?
E' vero, il campo per la ricerca e' amplissimo.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×