12 dicembre 2019

Lavoro

Halving Bitcoin alle porte: nuova impennata?

commenti |

commenti |

Halving Bitcoin alle porte: nuova impennata?

Negli ultimi mesi la criptovaluta più famosa al mondo sembra non passare un buon periodo. Gli ultimi giorni sono stati molto frustranti per gli investitori, che hanno visto il titolo mantenersi costantemente ben lontano da quota 8.500 dollari, che rappresenta il suo limite superiore.

 

La giornata di oggi non ci ha riservato particolari sorprese, con Bitcoin che chiude a 7.730,77. Data la situazione non ci meraviglia se qualcuno possa iniziare a pensare che questo prodotto non possa più offrire quelle incredibili impennate di cui è stato protagonista nel 2012 e nel 2016.

 

Tuttavia nel 2020 è atteso un nuovo corposo halving, per cui le prospettive per gli investitori e trader potrebbero velocemente ribaltarsi. Facciamo notare che investire in Bitcoin non è più affare per pochi milionari o agenzie predisposte.

 

Grazie infatti al trading online anche un qualsiasi risparmiatore può investire sui titoli che ritiene più favorevoli. Se non vuoi farti sfuggire le enormi opportunità offerte dal trading online puoi approfondire su Tradingonlineforex.com, pagina di riferimento per tutti i trader italiani.

 

Halving Bitcoin 2020: rivoluzione o grande delusione?

Come detto, nonostante una situazione del titolo stagnante, se non proprio negativa, le prospettive per gli investitori e fedelissimi di Bitcoin potrebbe cambiare e farsi nuovamente rosee.

 

Il prossimo anno si svolgerà infatti un nuovo halving, in cui secondo gli analisti verranno minati Bitcoin per un valore di 63 milioni di dollari a settimana.

 

Una cifra veramente incredibile se consideriamo che gli ultimi due halving, nel 2012 e nel 2016, hanno rimosso rispettivamente 302.400 e 8,19 milioni di dollari per settimana, producendo grandissimi salti in borsa del titolo.

 

A rigor di logica quindi, il prossimo anno potremmo vedere Bitcoin dimenticare i limiti attuali (gli analisti inquadrano il titolo in un range che va dai 7.500 a 8.500 dollari) portandosi anche al di sopra del massimo raggiunto in precedenza.

 

Le opinioni a riguardo sono molte, controverse e di sicuro non univoche. Pensiamo per esempio a ciò che qualche tempo fa aveva dichiarato il programmatore britannico naturalizzato statunitense John McAfee.

 

Prevedendo l’imminente halving si espresse in maniera molto decisa sull’argomento. In quel periodo Bitcoin oscillava intorno agli 8.000 dollari, quindi ancora inquadrati nel range attuali.

 

Secondo l’americano entro la fine del 2020 BTC avrebbe raggiunto l’invidiabile cifra di un milione di dollari, contro i circa 7.000 attuali.

 

Certo non mancarono le ironie su questa dichiarazione. Tuttavia più passa il tempo, più molte altre persone si stanno lasciando convincere da questa previsione. O quasi.

 

Gli analisti di Benzinga, infatti, seguendo lo stesso ragionamento, basato quindi sull’imminente halving e sulla rarità di Bitcoin rimanenti, dichiararono che il prezzo di listino attuale era sicuramente solo un momento di passaggio, prevedibile quanto momentaneo, e che quindi il titolo avrebbe preso il volo, arrivando a quota 50.000 dollari.

 

Halving bitcoin: parola ai giganti del mining

Le ragioni per essere entusiasti non mancano di certo. Probabilmente i fedelissimi terranno duro per qualche altro mese, che con tutta probabilità non produrrà variazioni particolari, aspettando con trepidante attesa il grande halving del prossimo anno.

 

Tuttavia, se è pur vero che l’attesa è massima e che ci sono tutte i motivi per essere entusiasti, non mancano opinioni più equilibrate in merito.

 

Un esempio del genere ci viene offerto da Jihan Wu, cofondatore di un gigante del mining come Bitmain, insomma non proprio uno sprovveduto.

 

Secondo l’imprenditore e miliardario cinese se è pur vero che questo halving sarà il più grande della storia della criptovaluta e che veranno praticamente dimezzati i Bitcoin rimanenti, non è detto che questa azione porti necessariamente ad un mercato rialzista.

 

L’opinione di Wu è molto cauta. Considera sicuramente il 2020 un ottimo momento per investire nel mining, ma le incertezze a riguardo sono comunque molte e non possiamo fare previsioni certe, trovandoci su una strada mai battuta in precedenza.

 

Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×