19/06/2019temporale e schiarite

20/06/2019quasi sereno

21/06/2019quasi sereno

19 giugno 2019

Vittorio Veneto

Gli stranieri che stanno fuori dai supermercati a Vittorio Veneto? "Sono pali di colore mandati da qualche organizzazione"

Il caso sollevato dal candidato sindaco Michele Toffoli: "Questa non è integrazione"

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - “Pali di colore”: così il candidato sindaco Michele Toffoli ha definito chi staziona fuori dai supermercati, magari chiedendo l’elemosina. Al centro del dibattito tra i candidati di ieri sera è finita la richiesta, presentata da Rete di Cittadinanza Solidale, di istituire un tavolo civico permanente per i migranti a Vittorio Veneto.

 

“Se quello che è stato fatto fino ad ora ha portato ad avere fuori da ogni supermercato un palo di colore, beh, questa non è integrazione. Non capisco queste persone che stanno lì 12 ore al giorno a dire buongiorno e buonasera”, ha dichiarato il candidato di Forza Vittorio e Vittorio Veneto Città in Movimento. Immediata la replica del candidato di centrosinistra, Marco Dus: “Pali di colore? Sono delle persone, non le definirei così. Sono persone che si trovano in difficoltà”.

 

“Forse non hai capito bene cosa intendevo dire – ha riposto Toffoli -. Vorrei sapere chi ha detto loro di andare là. Di sicuro non lo fanno di loro spontanea volontà, lì c’è un’organizzazione. Io giro i supermercati del Veneto e non ce n’è uno che non abbia un palo fuori”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×