18/03/2019pioggia

19/03/2019quasi sereno

20/03/2019sereno

18 marzo 2019

Tech

Gli exchange decentralizzati sono un passo in avanti nell’era digitale?

commenti |

Parlando di criptovalute si parla anche di exchange e soprattutto di decentralizzazione, quello che offre di fatto la blockchain, ovvero una tecnologia che non è sotto il controllo di uno stato o un privato o un’istituzione ma qualcosa che sia accessibile alla collettività e che non sia corruttibile, ovvero qualcosa che non può essere modificata o alterata da nessuno. Il prezzo di IOTA è in teoria destinato ad aumentare nel tempo dato che ora è molto basso, e se volessi acquistarlo chiaramente devo passare per un exchange proprio perché quando investo una tot cifra in euro devo essere sicuro che i token mi vengano effettivamente dati in cambio allo scalare del mio ammontare di denaro. La cosa comunque funziona ed è anche ottima, quindi si può dire che ci sia scalabilità e non solo in questo sistema.

 

Un X numero di individui poi detengono la possibilità di contribuire, ed è una cosa aperta a tutti, con possibilità anche di profitto. Attualmente siamo sotto gestione anche di quello che sono gli exchange, soprattutto quelli più grandi in assoluto nel mondo con davvero tanti utenti e un volume di svariati milioni al giorno di intercambio tra varie criptovalute con le quantità che si riferiscono al loro controvalore in euro. Niente di più semplice insomma, ma viene subito da chiedersi una cosa, ma dove si trova la decentralizzazione?

 

Gli exchange effettivi si può dire che possano effettivamente avere a che fare con una buona quantità di cripto e dunque di valore su scala mondiale. Un valore significativo, e che il tutto si trova tra l’altro sui loro server, il che effettivamente non è una cosa che contribuisce al concetto di decentralizzazione di cui abbiamo appena parlato, ma come è noto è possibile anche togliere in qualsiasi momento la propria riserva di valore e spostarla sul proprio wallet.

 

La presenza di tali exchange comunque è un passaggio obbligato, perché comunque ci vuole un servizio che faccia da tramite nella conversione e che comunque garantisca la buona riuscita della parte che riguarda il passaggio a cripto da valuta tradizionale e viceversa, nonché da cripto a cripto. Ad esempio se volessi acquistare con bitcoin dei token di IOTA.

 

I sistemi informatici su cui girano questi prodotti tecnologici sono comunque di buona qualità, pertanto si può dire effettivamente che sia possibile senza problemi di sorta riuscire comunque a portare a casa un sistema sicuro, e affidandosi ad exchange con basse tasse di transazione si riesce tra l’altro a mantenere le commissioni basse. Molti sono semplici da usare e permettono all’utente buona riuscita in termini di investimento. Una volta compresi i meccanismi sono poi facili da usare, ed è questione di tempo per la diffusione. Le cripto in teoria sono destinate a rivoluzionare il nostro stile di vita e come ci si scambia valore in cambio di beni e servizi. Non si tratta di una cosa da poco e sappiamo che date le evoluzioni di mercato non si può mai parlare di bolla.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×