22 ottobre 2019

Ciclismo

Giro Under 23 e Ca' del Poggio in campo per aiutare le popolazioni colpite dalla tempesta Vaia

Domenica 23 giugno una manifestazione cicloturistica aperta a tutti precederà la tappa conclusiva della rassegna giovanile con l’obiettivo di raccogliere fondi per la comunità di Rocca Pietore

Altri Sport

SAN PIETRO DI FELETTO - Il Giro d’Italia Under 23 e Ca’ del Poggio pedalano per le popolazioni bellunesi colpite dalla tempesta Vaia dello scorso autunno.

Domenica 23 giugno, alle 9.30, l’arrivo della tappa conclusiva del Giro giovanile sarà preceduto da una manifestazione cicloturistica sulle stesse strade percorse dagli Under 23, che concluderanno la loro fatica, dopo 10 giornate di gara (un prologo e nove tappe), con la frazione Agordo-Passo Fedaia.

Il percorso della manifestazione cicloturistica si svilupperà per 60 chilometri (30 all’andata e 30 al ritorno), partendo da Agordo e toccando anche Listolade, Cencenighe, San Tommaso, Avoscan, Alleghe, Caprile, Rocca Pietore, Col di Rocca e Boscoverde. Da lì, i partecipanti potranno decidere di tornare indietro verso Agordo, oppure di proseguire sino in cima al Passo Fedaia, per assistere all’arrivo dei protagonisti del Giro d’Italia Under 23.

La partecipazione alla manifestazione cicloturistica è aperta a tutti, bike ed e-bike. Hanno già garantito la presenza numerosi corridori professionisti ed ex professionisti, come Davide Cassani, ora c.t. della Nazionale italiana, Stefano Garzelli e Marco Velo. La partenza, ad Agordo, sarà data dal vicepresidente di Luxottica, Luigi Francavilla.

Le iscrizioni si effettueranno direttamente alla partenza, al costo di 15 euro, e il ricavato della manifestazione andrà a sostenere, in gran parte, la comunità di Rocca Pietore, una delle più colpite dalla devastante ondata di maltempo abbattutasi sulle montagne bellunesi alla fine dello scorso ottobre.

A Bosco Verde, in attesa della diretta Rai del Giro d’Italia Under 23, ristoro speciale offerto da Ca’ del Poggio Ristorante & Resort: si brinderà con Prosecco e scampi. Un classico che ben si accompagnerà con il clima da autentica festa sportiva che caratterizzerà la domenica tra le montagne bellunesi.

In cima al Muro di Ca’ del Poggio, in una giornata memorabile, si è conclusa la scorsa edizione del Giro d’Italia Under 23. Il legame creatosi quel giorno con l’importante rassegna ciclistica giovanile, ma soprattutto un forte sentimento di vicinanza alle popolazioni colpite dalla tempesta Vaia, hanno spinto Ca’ del Poggio ad essere presente in un evento che promette di coinvolgere centinaia di appassionati. Pedalando insieme si può fare molta strada, e per una volta tutti saranno vincitori.
 

 

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×