17 luglio 2019

Cronaca

Il giorno più caldo

commenti |

Tra poche ore entreremo nella fase più bollente di questa eccezionale ondata di caldo africano che sta colpendo molte zone del nostro Paese. In arrivo "il picco di caldo da primato con temperature massime che schizzeranno fino a toccare valori prossimi ai 42-43° sul Nord-Ovest e intorno ai 39-40° sul resto del Nord e su alcuni tratti interni del Centro" fa sapere il team de 'ILMeteo.it', avvertendo che "a peggiorare le cose ci penserà anche l'elevato tasso di umidità che provocherà una forte e pericolosa sensazione di disagio fisico. Gli indici di calore, infatti, andranno alle stelle portando i valori delle temperature percepite ben più in alto".

 

Le città più bollenti di questi due giorni saranno quelle del Piemonte con Vercelli, Asti e Alessandria che toccheranno 41-43°C, poi la Lombardia con 41°C a Pavia e 39°C a Milano e 39-40°C invece su città del Veneto come Verona, Vicenza, Padova e Rovigo e su quelle dell’Emilia Romagna come Bologna e Ferrara.

 

Al Centro il caldo africano arroventerà Firenze e Prato con 39-40°C, mentre Roma si fermerà 'soltanto' a 37°C.

 

"Se di giorno la canicola sarà opprimente - avvertono gli esperti - si soffrirà tantissimo anche di notte, non solo per l'elevato tasso di umidità ma per via delle ore di buio che in questo periodo sono praticamente ai minimi. Insomma, i valori notturni non avranno dunque la possibilità di riuscire liberamente a scendere e la notte sarà un vero sudario".

 

Ma le cose cambieranno a partire dal weekend "quando aria meno calda rinfrescherà un po’ il clima al Nord, con temperature che perderanno circa 4-6°C. Sarà comunque solo una breve tregua in quanto una rinnovata rimonta del caldo avvolgerà nuovamente i primi due giorni della nuova settimana" dicono gli esperti. Probabile poi un più deciso cedimento del caldo intorno a mercoledì 2 luglio, quando l'alta pressione africana potrebbe perdere maggior energia con una netta attenuazione del caldo e l’arrivo di violenti temporali al Nord.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×