20/09/2017quasi sereno

21/09/2017sereno

22/09/2017quasi sereno

20 settembre 2017

Castelfranco

'George Washington' di Canova, mostra tra New York e Possagno

Esposizione con modello e bozzetti per capolavoro perduto 1831

commenti |

POSSAGNO - La storia della statua di George Washington di Antonio Canova sarà al centro di una mostra, in occasione dei duecento anni dalla sua realizzazione, organizzata prima a new York poi a Possagno dal capo curatore della Frick Collection, Xavier F. Salomon, in collaborazione con il direttore della Gypsotheca e Museo Antonio Canova, Mario Guderzo, la Venice International Foundation e la Friends of Venice Italy Inc.

L'esposizione, frutto di un anno e mezzo di lavoro, è stata annunciata in una conferenza stampa a Palazzo Balbi, sede della giunta regionale del Veneto, e sarà ospitata dalla Frick Collection di New York dal 22 maggio al 23 settembre 2018 e, successivamente, a Possagno dal 10 novembre 2018 al 22 aprile 2019

 

La mostra ripercorrerà la storia del capolavoro andato perduto nell'incendio del palazzo del Parlamento del 1831, riunendo per la prima volta il modello preparatorio in gesso a grandezza naturale, mai uscito prima d'ora dall'Italia, quattro bozzetti preparatori e i relativi disegni e incisioni. Sarà esposto anche il ritratto a olio di Canova dipinto nel 1816 da Thomas Lawrence.

 

"E' un progetto espositivo congiunto - ha commentato l'assessore regionale alla Cultura, Cristiano Corazzari - di altissimo valore culturale, in cui una delle opere principali di uno dei simboli della nostra regione segna una fortissima vicinanza tra le due sponde dell'Atlantico, attraverso i fortissimi legami tra Veneto e Stati Uniti".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×