24/02/2018parz nuvoloso

25/02/2018variabile

26/02/2018quasi sereno

24 febbraio 2018

Spettacolo

Fiorello mattatore

commenti |

E' Fiorello show al festival di Claudio Baglioni. Lo showman - previsto alle 22:30, ma entrato anche a inizio spettacolo - ha così aperto e tenuto banco al 68esimo Festival di Sanremo. Di certo, non si aspettava di trovarsi di fronte un intruso sul palco che gli ha chiesto "un contatto con il procuratore capo della Repubblica e con il sindaco di Sanremo". "Faccio il Pippo Baudo della situazione", ha reagito Fiorello divertito. "Nemmeno cavallo pazzo è più quello di una volta. Una volta si arrampicavano sulla balconata. Ora chiedono il permesso".

 

L'intervento dello showman - subito dopo la nuova sigla scritta da Baglioni e cantata da tutti i Big ("po-popopopò'") - si è aperto con un dialogo con Baglioni dietro le quinte: "Claudio vado". "No adesso, alle 22.30" ha risposto il direttore artistico. "Ormai mi hanno visto, ti apro il festival, poi arrivi tu e spacchi!", ha replicato Fiorello. "Vabbè hai vinto tu", si è arreso alla fine Baglioni. E così, dopo aver scaldato il pubblico, il mattatore della serata è tornato dopo le 22:30 per cantare con Baglioni 'E tu' e per colmare l'assenza di Laura Pausini, facendole gli auguri di pronta guarigione.

 

A fine serata è arrivata poi la prima classifica parziale del Festival per la giuria demoscopica. La classifica è divisa in "fasce": alta, centrale e bassa. Nella fascia blu, quella più alta, rientrano Nina Zilli, Stato Sociale, Noemi, Annalisa, Max Gazzé, Ron, Ermal Meta e Fabrizio Moro. La fascia gialla, quella centrale, comprende Luca Barbarossa, Mario Biondi, The Kolors, Elio e le Storie Tese, Giovanni Caccamo, Vanoni - Bungaro - Pacifico. Infine nella fascia rossa, la più bassa, i Decibel, Diodato e Roy Paci, Renzo Rubino, Enzo Avitabile e Peppe Servillo, Red Canzian, Le Vibrazioni, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.930

Anno XXXVII n° 4 / 1 marzo 2018

SCHIAVI DELGIOCO

Il male del secolo? No, della Marca. Ogni anno si giocano somme milionarie alle slot machines. Ecco i dati

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×