15/12/2018sereno con veli

16/12/2018velature diffuse

17/12/2018velature diffuse

15 dicembre 2018

Vittorio Veneto

Famiglia sterminata, il presunto killer vive a Cordignano

Polizia a caccia di Rasim Findo, primo indiziato del triplice omicidio

commenti |

CORDIGNANO - Sono stati freddati da colpi d’arma da fuoco mentre dormivano in due camere distinte Amid Pocesta, la moglie Nazmie e la figlia 14enne Anila. Il presunto killer, stando a quando riportato dai media di Skopje, dove si è consumato il delitto, è un parente: Rasim Findo, cognato di Amid Pocesta, residente a Cordignano da diversi anni.

 

Alla base del delitto, secondo le indagini svolte finora dalle forze dell’ordine macedoni, ci sarebbe un dissidio familiare dovuto a una proprietà: un pezzo di terra che si trova a poca distanza dal luogo del delitto che i due cognati pare si contendessero.

 

Le tre vittime dell’omicidio, residenti a Sacile da moltissimi anni e perfettamente integrate, si trovavano in Macedonia, loro paese di origine, per il matrimonio di un parente, quando si è consumata la tragedia. A casa a Sacile avevano lasciato altre due figlie, maggiorenni, impossibilitate a partire per la Macedonia a causa di impegni lavorativi. Una delle due, diplomatasi da poco all’alberghiero Beltrame di Vittorio Veneto, aveva trovato un impiego a Cordignano.

 

Nel Comune trevigiano vive anche la moglie di Rasim, il sospettato, Mubera Findo. La donna lavora in una trattoria del paese mentre Rasim fa il camionista e a Cordignano si occupa anche di agricoltura. L’uomo, dopo la strage, è scomparso: pare che sia fuggito in Albania facendo perdere le proprie tracce. La polizia lo sta cercando in quanto primo indiziato.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×