23 agosto 2019

Montebelluna

Falzé, un’intervista degli alunni racconta com’era

È tra i lavori premiati nel concorso “Beni Comuni - Gianfranco Carniel”, indetto dal Comune di Trevignano

commenti |

Falze di Trevignano

TREVIGNANO - Un’intervista che racconta come la frazione di Falzè si sia trasformata dai primi anni del ‘900 ad oggi; una serie di videoricette sui piatti di una volta, un breve documentario sulle vicende dei dieci martiri di Zapparè. Sono questi gli elaborati che si sono aggiudicati la seconda edizione del concorso “Beni Comuni - Gianfranco Carniel”, indetto dal Comune di Trevignano, in collaborazione con lo Spi-CGIL di Treviso e con l’Istituto Comprensivo di Trevignano.

 

I lavori sono stati realizzati dagli alunni della scuola secondaria di Trevignano, chiamati a realizzare un elaborato sul tema dei beni comuni, in particolare concentrandosi sul tema della memoria, intesa come bene comune immateriale. Il concorso è stato organizzato dall’Assessore alle Politiche Giovanili e dall’Assessorato all’istruzione, per ricordare l’amico scomparso Gianfranco Carniel, storico esponente del sindacato e protagonista della vita politica trevignanese, oltre che per promuovere a livello culturale il tema dei beni comuni, al centro di un regolamento approvato dall’amministrazione.

 

Ad aggiudicarsi il concorso sono state, in ordine di classifica, le classi 2^G, 3^C e 2^C: a loro favore la CGIL ha messo a disposizione buoni-libro per un ammontare complessivo di 500 euro, che andranno ad arricchire la biblioteca della scuola. Le premiazioni si sono svolte giovedì sera (primo febbraio) presso il Teatro Comunale di Falzè di Trevignano.

 

(Nella foto una veduta del centro di Falzé)

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×