29/06/2017piovaschi e schiarite

30/06/2017parz nuvoloso

01/07/2017possibile temporale

29 giugno 2017

Treviso

False vaccinazioni: "Non è vero, i bambini li ho sempre vaccinati"

L'assistente sanitaria sospettata di non aver fatto le iniezioni si difende dalle accuse

commenti |

Emanuela Petrillo, l'operatrice sanitaria sospettata di non avere vaccinato i bambini

TREVISO - Si difende l'infermiera 31enne accusata dall’Usl di Treviso di aver solo finto di vaccinare i bimbi, e sostiene di aver sempre fatto il proprio dovere. "I bambini li ho sempre vaccinati, sempre" dice Emanuela Petrillo in un'intervista al “Corriere del Veneto”. "Sono da sempre favorevole ai vaccini, e li ho sempre somministrati, applicando tutti i protocolli previsti".

L’Usl 2 di Treviso però non arretra di un centimetro, e ricorda che su 26 test sierologici effettuati su altrettanti piccoli vaccinati dalla donna 23 sono stati negativi, non hanno cioè accertato l'immunizzazione. Su questo l'assistente obietta che si tratta solo di test a campione, e occorrerà capire se si trattava di pazienti ai quali erano stati fatti i richiami. Anche sul fatto che i bambini a lei affidati non piangessero durante l'iniezione, l'infermiera si difende, dicendo di essere a conoscenza di una tecnica innovativa, che permette di bucare la pelle riducendo il dolore.

La donna è ora assistita da un avvocato, il quale ha chiesto che la sua cliente, pur non essendo indagata, sia sentita dalla Procura di Treviso.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×