24/02/2018nuvoloso

25/02/2018nevischio

26/02/2018parz nuvoloso

24 febbraio 2018

Spettacolo

Emozione Sting, ovazione Baudo

commenti |

Seconda serata all'insegna dei super ospiti e delle Nuove Proposte quella del 68esimo Festival di Sanremo. A calcare il palco dell'Ariston durante la seconda puntata della kermesse sonora artisti internazionali come Sting e Shaggy, che si sono esibiti insieme interpretando 'Don't make me wait', un brano che doveva essere una collaborazione isolata e che invece è diventato un intero album, che uscirà il 20 aprile e che si intitola "44/876". Sting ha poi omaggiato Zucchero cantando in italiano "Muoio per te", versione tradotta del brano "Mad about you", in ossequio al diktat del 'dittatore artistico' Claudio Baglioni che vuole un omaggio alla canzone italiana da ogni ospite di questo festival.

Standing ovation e coro da stadio invece hanno accolto il ritorno di SuperPippo Baudo sul palco dell'Ariston a 50 anni dal suo primo festival, nel 1968. "Mezzo secolo dal mio primo festival, ti rendi conto? Anche loro c'erano, ma si sono conservati bene", dice Pippo a Claudio Baglioni indicando il pubblico. E decide di 'ringraziare' Sanremo con una lettera aperta nella quale il conduttore ripercorre la sua carriera festivaliera. Baudo ricorda il tremolio della prima volta, nel 1968, mentre saliva le scale del Casinò che allora ospitava il Festival. "Vinse Roberto Carlos con una canzone di Sergio Endrigo, 'Canzone per te'", ricorda Baudo. Da lì l'inizio di una lunghissima carriera che lo ha visto sul palco dell'Ariston ben dodici volte.

Ovazione del Teatro Ariston anche per il 'Nessun dorma' del trio Il Volo. I vincitori del festival 2015 sono stati lungamente applauditi in teatro mentre nella sala stampa la loro esibizione suscitava diversi rumorosi cenni di dissenso. Poi con Claudio Baglioni, i tre ragazzi hanno intonato 'Canzone per te' in omaggio a Sergio Endrigo.

Ad esibirsi sul palco dell'Ariston durante la seconda serata del Festival anche le prime quattro Nuove proposte (in gara sono in tutto 8). A guidare la classifica della giuria demoscopica è Alice Caioli con 'Specchi rotti' mentre al secondo posto c'è Lorenzo Baglioni con 'Il Congiuntivo', al terzo Giulia Casieri con 'Come stai'. Chiude il primo quartetto Mirkoeilcane, con 'Stiamo tutti bene'. A calcare il palco anche dieci big all'ombra del caso Moro-Meta, sospesi in attesa di giudizio dopo la presunta violazione del regolamento del Festival.
 

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.930

Anno XXXVII n° 4 / 1 marzo 2018

SCHIAVI DELGIOCO

Il male del secolo? No, della Marca. Ogni anno si giocano somme milionarie alle slot machines. Ecco i dati

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×