21/07/2018temporale e schiarite

22/07/2018possibile temporale

23/07/2018possibile temporale

21 luglio 2018

Castelfranco

Il drone per i selfie e quello per la tv, le ultime dall’Ipsia

Continua la sperimentazione dell’istituto professionale castellano. Dimostrazione ai “Giardini del Sole”

commenti |

CASTELFRANCO - I droni dell'Ipsia volano ai “Giardini del Sole”: qui, domani, sabato 29 novembre, dalle 10 alle 12, è prevista una dimostrazione sul loro utilizzo. Sono tanti gli usi dei droni sperimentati dagli studenti del “Galilei” di Castelfranco, le cui ricerche sono partite più di un anno fa.  

 

I droni che trasportano farmaci sono diventati una startup incubata da Innovits del Politecnico di Milano, concentrandosi sul trasporto di farmaci salvavita e trasporto merci ad alto valore aggiunto.

Il "Dronilab" ha fatto nascere un "Fablab", dopo il successo ottenuto al "MakerFaire" di Roma,  il primo a Castelfranco, che orgogliosamente gli studenti hanno chiamato "MakerLab",  finanziato in parte da Fondazione Nordest e in parte con crowdfunding (raccolta fondi).

A dicembre partirà la campagna su un portale dedicato, mentre il "Fablab" ha iniziato già a muovere i primi passi il mercoledì pomeriggio, con più di trenta adesioni di studenti del "Galilei" di varie fasce d'età: si lavorerà non solo con i droni, ma anche con le stampanti 3D, macchine taglio laser, scanner 3D e altre tecnologie legate al mondo dei "maker".

 

Tra i progetti in cantiere, il "Drone Selfie", per soddisfare le smanie fotografiche dei giovanissimi, il "Drone Bibliotecario", che verrà sperimentato nella biblioteca cittadina, ed il "TV-Drone", assistente televisivo pronto ad entrare in scena negli studi televisivi delle tv private regionali.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×