20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dramma a Pieve di Soligo: investita per salvare i figli, Antonela non ce l'ha fatta

E' morta dopo due settimane la mamma travolta da un'auto

commenti |

PIEVE DI SOLIGO - Per due settimane tutta Pieve di Soligo ha pregato per lei, sperando fino alla fine in un miracolo, ma ieri il filo di speranza si è spezzato: Antonela Kmet, la mamma di 46 anni di origini croate investita sulle strisce pedonali per fare scudo con il proprio corpo ai due figli, è morta all'ospedale Ca' Foncello di Treviso.

 

L'incidente era avvenuto il 25 settembre in una via del centro, mentre la donna insieme con i suoi ragazzi di 11 e 5 anni stava attraversando la strada in prossimità del ponte sul Soligo. Improvvisamente le si è parata davanti l'auto guidata da una anziana di 87 anni. L'istinto l'ha portata a compiere il gesto di proteggere con il proprio corpo i figli dall'urto inevitabile e fortissimo.

 

Un gesto che ha salvato la vita ai due ragazzini, che hanno subìto fratture e contusioni giudicate non preoccupanti dai sanitari, ma che ha segnato la sua fine. Le condizioni di Antonela erano subito apparse gravissime, sin all'arrivo all'ospedale Ca' Foncello di Treviso dopo il trasporto in elicottero. I medici del reparto di neurochirurgia avevano cercato di tamponare la situazione con una operazione al capo, ma le possibilità che la donna potesse riprendersi erano state sin da subito minime.

 

Nonostante questo l'intero paese aveva continuato a sperare in un finale positivo per quell'atto di generosità materna. Ci aveva creduto per primo il parroco della cittadina trevigiana, don Giuseppe Nadal, che aveva voluto portare sul letto d'ospedale della donna l'effige del trevigiano Beato Toniolo, invocato anche durante una messa in Duomo.

 

Antonela e il marito italiano sono molto conosciuti in paese, anche perchè la donna prestava la propria opera come domestica presso alcune famiglie e in passato era stata rappresentante dei genitori nelle scuole frequentate dai suoi figli. La notizia della sua morte si è diffusa immediatamente e moltissime sono state nelle ultime ore le parole di dolore che i concittadini hanno voluto esprimere anche sulla rete, ricordando il suo gesto.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×