21/07/2018possibile temporale

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Lavoro

Design: con bianco Oikos pittura ecologica per la creatività.

AdnKronos | commenti |

Roma, 20 apr. (Labitalia) - "ArtColorBike: un’installazione di 12 opere frutto della creatività di giovani e talentuosi studenti d’arte selezionati dall’Accademia di Brera, che si sono espressi per ridare una seconda vita a vecchie biciclette trasformandole in vere opere d’arte attraverso l’utilizzo della pittura ecologica Oikos. Un progetto artistico all’insegna della sostenibilità". E' quanto si legge in una nota.

"Giardino delle Culture: un progetto di arredo urbano promosso dall’Associazione Arte da mangiare, con il recupero di 7 panchine d’autore, coordinato dall’Architetto Giovanni De Lucchi; anche in questo caso -continua la nota- un esempio di ri-uso e ri-utilizzo di oggetti che, grazie al lavoro di giovani artisti e alle pitture ecologiche Oikos hanno ritrovato una seconda vita nel massimo rispetto dei principi di totale sostenibilità".

"Oikos - la pittura ecologica è la perfetta sintesi -conclude la nota- che unisce pittura, materia, arte ed ecologia in un unico grande risultato: ridare una seconda vita ad oggetti. Un progetto di sostegno all’arte che continua e prosegue in parallelo al business, come afferma il presidente Claudio Balestri, il quale è continuamente impegnato nella promozione del risultato ottenuto per aver trasformato le vernici tradizionali in pitture e materie senza formaldeide garantendo il massimo benessere a tutela della salute delle persone".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×