21/08/2017quasi sereno

22/08/2017quasi sereno

23/08/2017quasi sereno

21 agosto 2017

Montebelluna

DELUSIONE D’AMORE, SI IMPICCA A 25 ANNI

Si tratta di un giovane idraulico di Selva del Montello

| commenti | (14) |

| commenti | (14) |

VOLPAGO – Si è messo una corda al collo nel ricovero attrezzi vicino casa e si è lasciato cadere. Ha deciso di farla finita così un giovane idraulico di 25 anni di Selva del Montello.

Pare che alla base del gesto ci sia una delusione amorosa. Ieri mattina a trovarlo ormai già privo di vita sono stati i suoi genitori. Disperati hanno chiamato il 118, ma purtroppo, all’arrivo dell’ambulanza sul posto, per il ragazzo non c’era nulla da fare: era già morto.

Probabilmente il 25enne si era ucciso durante la notte. I genitori l’avevano cercato a lungo non vedendolo tornare in casa, finché sono entrati nel ricovero attrezzi vicino casa, dove hanno scoperto il corpo penzolante.

Una scena agghiacciante, per i famigliari, che ora non riescono a darsi pace. Sul posto poco dopo sono arrivati anche i carabinieri.

Non sarebbero stati ritrovati biglietti d’addio o messaggi particolari rivolti a qualcuno, anche se secondo quanto ricostruito alla base del gesto potrebbero esserci ragioni di natura sentimentale riconducibili ad una ragazza.

 

Commenta questo articolo


Povero mi spiace un sacco essendo anche io giovane come lui... Le ragazze sono proprio stronze

segnala commento inopportuno

Condoglianze alla famiglia

@marco ricci: Cresci

segnala commento inopportuno

Più che colpa delle ragazze, direi che siamo in un epoca di "adulti fragili"....la vita è piena di difficoltà e di delusioni.....

segnala commento inopportuno

sono pienamente d'accordo con te... credo che questo sia il commento più vero.
Condoglianze alla famiglia, ci tocca tutti... a me particolarmente.

segnala commento inopportuno

Un ragazzo fragile, dai sentimenti profondi,
mi è venuto sponteneamente recitare una preghiera, chissà cosa capita in determinati momenti della nostra vita.
Sono vicina ai suoi cari, un dolore terribile,
e poi vi saranno tanti perchè.....
Patrizia

segnala commento inopportuno

le ragazze possono essere stronze come no questo non cambia nulla , secondo me conta molto il rapporto con i genitori che purtroppo spesso è povero o assente dove manca un dialogo aperto . condoglianze alla famiglia

segnala commento inopportuno

Non diamo la colpa alle ragazze, se fossero loro la causa non ci sarebbero più maschi vivi da molto tempo. Nei giovani, al giorno d'oggi, c'è qualcosa che non funziona, non diamo colpa alla società, guardiamo bene i rapporti genitori figli come sono. Chiarisco che non mi riferisco allo specifico caso odierno, in quanto non ne posso conoscere la realtà, ma questa escalation è preoccupante.
Condoglianze alla famiglia per questa tragedia assurda.

segnala commento inopportuno

I motivi sono stati un insieme di cose non centra la ragazza inconsapevole anche lei delle intenzioni del ragazzo, era fragile e penso non sia stato in grado di esternare a nessuno il suo dolore vedendo come unica soluzione la morte, nessuno se lo aspettava i genitori e parenti sono distrutti.
Vorrei anche dire che indipendentemente da questo caso in particolare non conta se una ragazza o un ragazzo lascia ma questo può scaturire il meccanismo di rottura che se non viene curato anche solo parlandone con la persona giusta poi sfocia in casi del genere.
Mi dispiace davvero non me lo aspettavo........

segnala commento inopportuno

appunto perchè lo ha mollato ....., vale la pena morire per una cosi?

direi di no.
senza senso.

segnala commento inopportuno

condoglianze a chi resta.
Un augurio a chi non c'è più...se ci dovesse essere ancora qualcosa oltre questa terra.
Marco

segnala commento inopportuno

Quando uno è depresso vive con orizzonti limitati, non ha fiducia in se stesso, negli altri, nella vita, in Dio.
Non si vedono vie d’uscita e si viene attratti e avvolti dai tentacoli velenosi della morte, ci si lascia cullare dal suo seduttivo richiamo.
Si pensa di poter vendicarsi attraverso la propria morte e invece è un atto tremendamente passivo, si viene inghiottiti. Spesso quando ci accorgiamo che qualcosa non va in qualcuno è già troppo tardi, ma bisogna rompere ogni indugio e parlare apertamente.
Bisogna riempire d’amore e dare speranza al malato, l’antidoto vero è la speranza più che l’amore, la speranza di una nuova vita. Il problema è che tutte le nostre relazioni devono essere vissute in quest’ottica, anche con chi non è depresso, bisogna riempire di luce
la nostra vita, di speranza, di gioia. Dobbiamo avere il volto dei bambini, la loro fiducia nel futuro. Bisogna aiutarci, anche con il sorriso, con una parola dolce.

segnala commento inopportuno

temo, come commentato da altri ne "il gazzettino on line" che continuando a scrivere di suicidi, gli stessi suicisi aumentino in numeri, perchè si potrebbe dare un "suggerimento", non volendo, ovviamente, a chi è fragile e non vede via d'uscita. alcuni avevano commentato che c'era già stato un periodo in cui più i giornali ne parlavano, più i suicidi aumentavano... io non so se ciò sia vero, proporrei alla redazione di fare un'indagine...

condoglianze alla famiglia e anche alla ragazza (se è vero che è per motivi sentimentali), che si sentirà in colpa per tutta la vita a causa della fragilità di un'altra persona.

segnala commento inopportuno

se c'è la depressione son cavoli amari
non è facile uscirne , ci vuole tutto un contesto che gira perfettamente : famiglia, amici, lavoro, anche compagne/i certo... però ci vuole una grande forza anche "a farlo"..
probabilmente se si riuscisse a incanalare l'energia necessaria in una via di scampo si riuscirebbe ad emergere dal tunnel .
Io tenfo la mia regola nel cassetto: mi gioco l'ultimo asso, sparisco e mi rimetto in discussione in un altro ambiente se non ce la faccio allora ok vada come deve andare .....
ma è teoria ..... non testata
................ spezzo una lancia a favore delle ragazze ; nella mia vita ho conosciuto molte ragazze stronze ma pari ragazzi ancor più stronzi....

segnala commento inopportuno

..inimmaginabile cosa si possa provare in momenti come questi...lui ragazzo esuberante, che forse celava un profondo malessere.
La sua famiglia che resterà segnata per sempre...che dire?
...nulla, solo silenzio e rispetto per quanto accaduto...

segnala commento inopportuno

Loading...

Dossier

SUICIDI GIOVANILI

Un nuovo caso di suicidio registra la Marca Trevigiana a pochi giorni dal Natale

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×