06 dicembre 2019

Montebelluna

Dalla Croazia a Montebelluna per lavorare il carbonio

I dipendenti della Novation Tech in città per imparare a lavorare nel nuovo stabilimento di Albona

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Novation Tech

MONTEBELLUNA – La Novation Tech di Montebelluna, una tra le maggiori aziende in Europa nella produzione di componenti in carbonio e materiali compositi. Oltre alla sede principale nel trevigiano, che dà lavoro a 330 persone, e allo stabilimento in Ungheria dove operano altri 460 dipendenti, sta costruendo un nuovo stabilimento di 3000 mq ad Albona, in Istria. La prima pietra è stata posata ad agosto e ad aprile 2020 lo stabilimento dovrebbe essere in funzione.

Ma un’azienda è fatta soprattutto di persone e professionalità così i futuri dipendenti stanno seguendo un corso di preparazione, della durata di 4 mesi, a Montebelluna, 12 operai specializzati (8 donne 4 uomini) provenienti dai dintorni di Albona. “Una formazione corretta per noi è fondamentale – spiega l’A.D. Luca Businaro -: abbiamo una materia prima, il carbonio, delicata e costosa, ogni errore è particolarmente grave. Non esistono scuole professionali specifiche, né qui in Italia né in Croazia, quindi formeremo noi le prime squadre (il secondo gruppo arriverà il mese prossimo), che faranno a loro volta da insegnanti quando avvieremo lo stabilimento in Croazia”.

Il nuovo stabilimento darà lavoro entro tre anni a circa 100 persone e avrà due obiettivi: assorbire il lavoro in più che in Italia, pur lavorando h24 su tre turni giornalieri, non si riesce a sostenere, e rispondere alle esigenze dei grandi operatori dell’automotive. Per ragioni di sicurezza infatti chiedono ai fornitori di avere più sedi in Paesi diversi, così da garantire massima puntualità e capacità di adattamento anche nel caso di incidenti che blocchino l’attività in uno degli stabilimenti.

Novation opera con tutti i grandi marchi del mercato dell’automotive, come Ferrari, BMW, McLaren, Lamborghini, Aston Martin, Sabelt, per cui crea sedili, componenti interne e parti di carrozzeria; inoltre fornisce il mondo dell’occhialeria e lo Sportsystem (selle da bicicletta, piastre per gli sci, suole per scarpe sportive ecc). Novation Tech è cresciuta del 51% nel 2018 (rispetto all’anno precedente) superando i 39 milioni di fatturato e soprattutto assumendo oltre 200 persone in due anni nello stabilimento trevigiano. Per i suoi risultati eccezionali, proprio nei giorni scorsi Novation Tech ha ricevuto il premio MF VENETO AWARDS 2019, nella categoria Growth Strategy and Top Performance.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×